Montalcino - 15-05-2018

Vino e frodi, scoperto falso Brunello di Montalcino di Villa Poggio Salvi. A dare la notizia la stessa cantina. “Tutte segnalazioni partite da clienti privati”

Il falso Brunello di Montalcino scoperto dalla cantina Villa Poggio Salvi su segnalazione dei clientiPrezzi più bassi del solito, allentanti, che invitano a “rischiare” l’acquisto. Poi la bottiglia, si stappa, il vino non è della qualità che ci si aspetta, il tappo è anonimo invece che marchiato, e l’appassionato si insospettisce, e parte la segnalazione all’azienda. Che fa scattare i controlli, e scopre la truffa. Un percorso sempre meno insolito, purtroppo, quando si parla di vini importanti, e che colpisce soprattutto le denominazioni più importanti. Come quella del Brunello di Montalcino e, nel caso specifico, la cantina Poggio Salvi, che a seguito di diverse segnalazioni, sempre di clienti privati, ha fatto tutto l’iter con le forze dell’ordine, scoprendo una truffa su false bottiglie di Brunello di Montalcino Villa Poggio Salvi 2008 Lotto L-B222.
“Tutto è partito da una segnalazione di un cliente olandese che nel 2017 - spiega a WineNews Luca Belingardi, che guida la cantina, di proprietà di Pierluigi Tagliabue, https://goo.gl/pPQggW - aveva comprato delle bottiglie su Ebay, ma poi aprendole il tappo era anonimo, mentre il nostro è marchiato, e la fascetta di Stato della Docg, sebbene con un codice alfanumerico verosimile, era posta in maniera sbagliata sulla bottiglia” (in verticale sulle bottiglie false, in orizzontale su quella autentiche). Inoltre, le etichette presentavano una definizione minore rispetto a quelle originali. Abbiamo fatto la segnalazione ai Carabinieri ed il link del venditore è stato chiuso, ma evidentemente c’è ancora del prodotto contraffatto in giro, perché ci sono arrivate altre segnalazioni, anche dell’Italia, ma non è ancora stato possibile risalire a chi lo ha messo in commercio. È una cosa molto fastidiosa e spiacevole, ma il fatto che le segnalazioni siano state fatte sempre da privati, è segno dell’attenzione e della competenza dei clienti e degli appassionati su questi vini”.


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018