Londra - 12-09-2017

Sotheby’s saluta l’estate con una sontuosa asta londinese: il 20 settembre passeranno di mano ben 909 lotti, per un valore complessivo tra i 2,1 e i 2,5 milioni di Euro. Top lot italiano, le annate 1997 e 2001 del Barolo Monfortino di Giacomo Conterno

Comincia in grande stile l’autunno-inverno 2017 per il settore enoico di Sotheby’s: il penultimo giorno d’estate la casa d’aste più antica del mondo metterà infatti in scena a Londra un’asta come di consueto notevole, con una selezione impressionante di Premiers Cru e vini della rive droite bordolese di annate dalla 2000 alla 2005, inclusi grandi formati e gli onnipresenti mostri sacri dell’Esagono tutto, tra Domaine de la Romanée-Conti, Petrus, Latour, Mouton Rothschild, Clos de la Roche e così via, per un valore complessivo stimato tra i 2,1 e i 2,5 milioni di Euro (https://goo.gl/c4Kvb3).
Non altrettanto ampio, ma senz’altro significativo è lo spazio dedicato dalla casa d’aste all’Italia del vino, con un’ampia selezione di annate dei Supertuscan più rinomati oltreconfine, come Masseto, Ornellaia e Sassicaia che, complessivamente, sono protagonisti di oltre venti lotti di annate comprese tra la 2004 e la 2007, con valutazioni fra i 1.300 e i 1.800 Euro ciascuno. Ma non mancano Veneto e Piemonte, con un lotto di Amarone 2011 di Romano dal Forno valutato tra i 1.600 e i 2.800 Euro, e, soprattutto, il top lot tricolore: sei bottiglie di Barolo Monfortino di Giacomo Conterno della splendida annata 1997, con una valutazione compresa tra i 3.200 e i 3.800 Euro, e, praticamente appaiato, un lotto di sei bottiglie della 2001(3.000-3.800 Euro).


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2017