New York - 09-08-2017

Se in Italia la vendemmia è iniziata tra mille preoccupazioni, e con tanti giorni di anticipo, in Napa Valley la raccolta parte sotto i migliori auspici: dopo un andamento stagionale praticamente perfetto, giù i primi grappoli di Pinot Nero

Se in Italia la vendemmia è iniziata tra mille preoccupazioni e con tanti giorni di anticipo sulla media stagionale, nella consapevolezza di una raccolta decisamente inferiore al 2016, costante che riguarda in maniera importante anche la vicina Francia, dall’altra parte dell’Oceano, in California, si respira tutt’altra atmosfera. Anche in Napa Valley, ovviamente, si inizia dalle uve da cui verranno prodotte le basi degli sparkling, a partire quindi dal Pinot Nero, ma l’andamento stagionale è stato dei migliori, niente gelate, niente grandine, niente bombe d’acqua. Così, a Mumm Napa ed a Domaine Carneros, le griffe californiane delle maison di Champagne Mumm e Taittinger, le uve hanno già preso la strada della cantina, proprio negli stessi giorni in cui la vendemmia è iniziata in Franciacorta e in Oltrepò Pavese.
“Fino ad ora è un’annata classica per la Napa Valley”, racconta al magazine Uk “Decanter” (www.decanter.com) il winemaker di Mumm Napa, Ludovic Dervin, dopo la raccolta delle prime 17 tonnellate di Pinot Nero. Ma, proprio come in Italia, con tante varietà ancora nel pieno delle maturazioni, è ancora presto per dare un giudizio. Di buono c’è che le piogge invernali hanno messo fine ad una siccità che, ancor più che nel Belpaese, in California è una costante, con il periodo di maturazione delle uve segnato da una discreta escursione termica, con notti fredde e giornate calde e soleggiate, per un andamento decisamente più regolare rispetto agli ultimi due anni: nel 2016, infatti, la raccolta iniziò una settimana prima, e nel 2015 i primi grappoli furono raccolti addirittura il 22 luglio. Tra due o tre settimane, invece, sarà la volta del Sauvignon e della altre uve aromatiche a bacca bianca, mentre tra le uve a bacca nera il Syrah sarà la prossima varietà a finire nelle cantine della Napa Valley.


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2017