WineNews - Per combattere il ghiaccio e la brina nei vigneti, arrivano dagli Usa i “frost fighters”, gli elicotteri che sparano aria calda sui filari per sciogliere la brina. I primi in Europa in Francia, ma arriveranno presto nel resto del Continente - Visualizzazione per stampa

19-04-2017

Per combattere il ghiaccio e la brina nei vigneti, arrivano dagli Usa i “frost fighters”, gli elicotteri che sparano aria calda sui filari per sciogliere la brina. I primi in Europa in Francia, ma arriveranno presto nel resto del Continente

Gli elicotteri anti ghiaccio in azione sui vigneti di Francia Il maltempo e gli sbalzi meteorologici repentini degli ultimi mesi hanno messo a dura prova gli agricoltori della Penisola. Ma per i vignaioli il problema è anche, e soprattutto, il ghiaccio: l’abbassamento delle temperature a cifre sotto lo zero può compromettere le vigne e un intero anno di lavoro. La soluzione arriva dagli Usa, ma è già stata utilizzata in altri Paesi europei, come la Francia: elicotteri che sparano aria calda sui vigneti.
Come racconta il “Corriere della Sera” (www.corriere.it), gli elicotteri sparano aria calda a distanza ravvicinata, e questa scioglie la brina o il ghiaccio che si sono creati.
Gli elicotteri prendono il volo nelle prime ore dell’alba, appena la brina appare sulle piante.
Ma ci sono anche altri tre metodi per combattere il ghiaccio: le macchine del vento (come gli elicotteri spingono l’aria calda dall’alto), gli irrigatori ed i bruciatori ad aria calda, quasi identici a quelli utilizzati nelle mongolfiere (riscaldano l’aria dal livello del suolo).
La rivista specializzata americana Heliops li ha ribattezzati i “frost fighters”, i combattenti contro il ghiaccio, e ha anche raccontato nel dettaglio, tempo fa, come funziona il tutto. “Quando viene prevista una notte fredda, già il giorno prima, verso le 4 del pomeriggio, gli elicotteri iniziali a rifornirsi di carburante e i piloti si incontrano con i viticoltori per dare un’occhiata alla zona delle operazioni”.


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2017