Milano - 13-09-2017

Per Eataly, la creatura di Oscar Farinetti è sempre più vicina la quotazione in Borsa: secondo “Mf-Milano Finanza”, a breve la decisione sull’Ipo, con lo sbarco a Piazza Affari possibile entro metà 2018. Nessun aumento di capitale in vista

Eataly verso la quotazione in Borsa entro la metà 2018, rumors Milano FinanzaAnnunciata più volte dal suo fondatore Oscar Farienetti, la quotazione in borsa sembra ormai imminente. Secondo i rumors rilanciati da “Mf-Milano Finanza”, a breve potrebbe arrivare l’Offerta pubblica iniziale (Ipo), dato che, riporta il sito www.affaritaliani.it, “tra metà e fine ottobre sarà convocato un consiglio d’amministrazione di Eataly nel quale sarà avviato il percorso che porterà alla quotazione a Piazza Affari”.
A gestire la procedura sarà Unicredit. “L’obiettivo dei soci, a partire dalla famiglia Farinetti che ha la quota di controllo della holding Eainvest (che detiene il 57,94% di Eataly), affiancata dal Clubitaly promosso dalla Tip del banchiere Gianni Tamburi con il 19,74% e da Coop Alleanza 3.0 (1,3%) è quello di portare sul listino milanese un terzo del capitale. Il flottante, infatti, complessivamente e dopo l’esercizio della greenshoe da parte degli istituti di credito collocatori, sarà del 33%”.
Niente aumenti di capitale in vista: per il collocamento, gli attuali azionisti cederanno, pro-quota, i loro pacchetti azionari. La quotazione potrebbe arrivare entro la metà del 2018.


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2017