Feed
Roma
03:57:07
New York
21:57:07
Los Angeles
18:57:07
Rio de Janeiro
21:57:07
Shanghai
09:57:07
Berlino
03:57:07
Londra
02:57:07
Parigi
03:57:07
Hong Kong
09:57:07
New Dheli
07:27:07
Tokyo
10:57:07
Dubai
05:57:07
Aggiornato al 23 Aprile 2014 ore 18:31

Categoria: News

Roma - 29 Ottobre 2013, ore 11:06

ARRIVA L’“ATLANTE DEI TERRITORI DEL VINO ITALIANO” BY MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ENOTECA ITALIANA E ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE DELL’ESERCITO ITALIANO. DI SCENA IL 29 OTTOBRE A ROMA. WINENEWS LO HA LETTO IN ANTEPRIMA

Atlante dei territori del vino itailanoArriva l’“Atlante dei territori del vino italiano”, promosso dal Ministero delle Politiche Agricole, con la collaborazione di Enoteca Italiana e dell’Istituto Geografico Militare dell’Esercito italiano. Winenews lo ha letto in anteprima (la presentazione ufficiale, a Roma, il 29 ottobre, a cura del Ministro per le Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo).


Segui WineNews su YouTube

Un’opera articolata e complessa, questo “Atlante dei territori del vino italiano”, che vede la luce dopo ben cinque anni di lavoro, sotto la guida di un comitato scientifico che annovera, solo per fare alcuni esempi, nomi come i professori dell’Università Federico II di Napoli Luigi Moio, cattedra di enologia, e Eugenio Pomarici del Dipartimento di Economia Agraria. Un’operazione multidisciplinare che ha incrociato le competenze del Ministero delle politiche agricole, l’Istituto Geografico Militare, l’Enoteca Italiana di Siena, l’Accademia Italiana della Vite e del Vino, il Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura di Arezzo, di Firenze e di Conegliano, l’Università di Bologna e l’Università Federico II di Napoli.
Il risultato sono due volumi che riescono a fissare su carta quello che alla fine sembra essere da tutti riconosciuto come l’elemento fondamentale che fonda ogni esperienza enoica: il territorio in cui un vino origina ne determina le caratteristiche organolettiche. Un concetto apparentemente semplice che i francesi hanno condensato nel celeberrimo termine di “terroir”, ovvero l’insieme di tutte le caratteristiche geografiche, geologiche e pedo-climatiche di un dato luogo che, tutte insieme, contribuiscono alla unicità del prodotto vino, ottenuto in quella determinata zona. Oltre, evidentemente, all’insostituibile intervento dell’uomo, non solo nel processo di trasformazione della materia prima-uva, ma anche nella stessa modificazione dei luoghi di produzione, per esempio, realizzando terrazzamenti dove le pendenze sono elevate, scegliendo le varietà più adatte a quella zona, allevandole con i sistemi più idonei per il loro massimo rendimento. E se il rapporto fra vino e terra ormai appartiene al senso comune, quello delle particolari condizioni che producono particolari vini non è altrettanto chiaro. E l’Atlante, proprio su questo punto fondamentale, colpisce davvero nel segno.
Un viaggio affascinante che ricostruisce il profilo di “Enotria” analizzando e mostrando (attraverso un apparato cartografico straordinario, opera dell’Istituto Geografico Militare) tutti quegli elementi così determinanti, dai dati cimatici a quelli geologici, da quelli altimetrici a quelli pedologici, che contribuiscono a rendere l’Italia, per l’appunto, uno dei luoghi più vocati all’allevamento e alla produzione del vino.
Ma accanto a questa che resta la parte predominante del contenuto dell’Atlante si sviluppa in parallelo anche un sostanzioso contributo in termini di contestualizzazione del vino italiano, con una serie di contributi che inquadrano l’argomento, storicamente, dal punto di vista legislativo ed economico.
I vari terroir italiani trovano una sintesi nel concetto di “macroaree”, che diventa il concetto guida per orientarsi nella lettura dell’Atlante. Una necessità imposta in parte dal fatto che l’Italia resta un territorio viticolo ampio e variegato, impossibile da sondare in tutte le sue più minute declinazioni e in parte dettata dallo scopo stesso dell’Atlante: quello di essere soprattutto uno strumento facilmente fruibile. Le “macroaree”, in questo senso, hanno una flessibilità funzionale che ben sintetizza la ricchezza dell’Italia enoica. Una scala di analisi più ampia, in un certo senso, che raggruppa i territori viticoli protetti dalle denominazioni sub-regionali secondo un criterio di prossimità e affinità pedoclimatica. Questo approccio ha consentito di individuare “macroaree” in cui è possibile comprendere quei vini a denominazione che interessano zone molto vaste (spesso con estensione regionale o multi-regionale), arre cioè caratterizzate da una variabilità ambientale maggiore di quella delle denominazioni di estensione sub-regionale, che tuttavia può essere caratterizzata dall’analisi delle diverse “macroaree” interessate.
La lettura del territorio vitivinicolo italiano ha permesso così di comporre un quadro dell’offerta enoica del bel Paese nel quale, in una prospettiva multidisciplinare sono resi evidenti i fattori che, con diverso peso, determinano la diversificazione degli elementi qualitativi che caratterizzano la ricchezza del “Vigneto Italia”. Suolo, clima, geologia, geomorfologia, svolgono un ruolo centrale coniugandosi con una base ampelografia di incredibile ricchezza e unica al mondo. Compone un mosaico le cui tessere, le macroaree, si qualificano come unità territoriali, determinanti per definire l’elevata vocazionalità del Paese e le specifiche potenzialità dell’espressione sensoriale dei vini italiani. L’Atlante non è quindi una semplice elencazione di vini e di diverse combinazioni ambientali, ma descrive l’offerta enologica nazionale come il risultato delle tradizioni produttive proprie di ogni macroarera, dove le peculiari condizioni ambientali hanno plasmato paesaggio e cultura locale.
Una testimonianza della complessa identità e del valore dei territori del vino italiano, che ambisce a diventare un punto di riferimento per i produttori, gli studiosi e gli amministratori, oltre che per tutti gli appassionati di vino.

cecchi_news 2010

Altre News

23 Aprile 2014, ore 17:40

IN EUROPA SI VOTA PER RINNOVARE IL PARLAMENTO DELL’UNIONE EUROPEA, E TUTTE LE CARICHE AD ESSO COLLEGATE. E L’ITALIA, TRA L'AZIONE DEL GOVERNO ED EXPO 2015, PUNTA ALLA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE AGRICOLTURA OGGI GUIDATA DAL ROMENO CIOLOS


23 Aprile 2014, ore 17:11

COME GIÀ SUCCESSO A BORDEAUX, ANCHE PER LO CHAMPAGNE È GIUNTO IL MOMENTO DI AFFRONTARE IL PROBLEMA DEL RICAMBIO GENERAZIONALE, PERCHÉ NEI PROSSIMI ANNI IL 20% DI CHI GUIDA LE AZIENDE VINICOLE DELLA REGIONE ANDRÀ IN PENSIONE


23 Aprile 2014, ore 17:10

IL VINO DEGLI ANTICHI ROMANI TORNA A VIVERE CON “TEMPORIBUS”, IL PROGETTO DI ROBERTO CIPRESSO, BASATO SU UNA CAMPAGNA DI CROWFUNDING CHE, DA MARSIGLIANO, FELIX ED ELLENICUM, “REGALERÀ” AI WINE LOVER IL “VINUM GIULII - IL VINO DI GIULIO CESARE”


23 Aprile 2014, ore 16:34

UN CASO DI SUCCESSO DEL VINO ITALIANO NELLA LETTERATURA FRANCESE: È “DU RAISIN AU VERRE-LE VIN EXPLIQUÉ AU DEBUTANTS”, VOLUME DI TERESA SEVERINI ZAGANELLI PREMIATO IN FRANCIA, TRADOTTO DA FLORENCE DUBOURDIEU, EDITO DA FERET, CASA EDITRICE DI BORDEAUX


23 Aprile 2014, ore 14:55

GLI STUDENTI DELLA FLORIDA INTERNATIONAL UNIVERSITY ALLA “RESA DEI CONTI” CONTRO L’OCRATOSSINA. LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA PASSA DAI LIEVITI CHE, OLTRE A COMPIERE LA FERMENTANZIONE ALCOLICA, DISTRUGGERANNO LA TOSSINA


23 Aprile 2014, ore 11:36

DOPO LA CELEBRE “PATACCA” DEL BORDEAUX DI THOMAS JEFFERSON, ANCORA FALSI ENOICI DAL SAPORE STORICO: UNA BOTTIGLIA “RISALENTE A PRIMA DELLA PRESIDENZA WASHINGTON”, PAGATA 91.400 DOLLARI, SI È RIVELATA UN CLAMOROSO FALSO


22 Aprile 2014, ore 17:41

A SAN PATRIGNANO IL CONGRESSO ASSOENOLOGI 2014 (1-4 GIUGNO). PER PARLARE DI CULTURA DEL VINO E DI MERCATO, MA ANCHE DI FRANCIA, SPAGNA E GERMANIA, CON TANTI BIG. IL PRESIDENTE COTARELLA: “SCELTA DOVUTA AL VALORE UMANO E PROFESSIONALE DI SANPA”


22 Aprile 2014, ore 17:36

I RUSSI INVESTONO NELLE BOLLICINE ITALIANE: DOPO IL PASSAGGIO, NEGLI ANNI SCORSI, DEL MARCHIO DELL’ASTI, GANCIA, AL FONDO RUSSIAN STANDARD, ORA È CONTARINI, IMPORTANTE REALTÀ DEL PROSECCO, AD ESSERE ACQUISITA DA IGRISTY VINA PER 8 MILIONI DI EURO


22 Aprile 2014, ore 15:44

IL ROSATO, ORMAI, RAPPRESENTA IL 9% DEI CONSUMI MONDIALI DI VINO. IN TESTA, PER PRODUZIONE E CONSUMI C’È LA FRANCIA, MA IL BOOM È IN USA, DOVE DIAGEO DISTRIBUIRÀ UNO DEI NOMI PIÙ IN VISTA DELLA PROVENZA IN ROSA, CHATEAU MINUTY


22 Aprile 2014, ore 12:48

IN TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI, TRA LE POSSIBILITÀ PER DONARE IL PROPRIO “5 X MILLE”, CE N’È ANCHE UNA CHE ARRIVA DAL MONDO DEL WINE & FOOD: LE “TESTIDALKOL” PROPONGONO DI DONARLO ALLA LORO ASSOCIAZIONE CONTATTI ONLUS CONTRO L’ABUSO DI ALCOL


22 Aprile 2014, ore 12:13

UN’ALTRA ANNATA DIFFICILE PER I CRU DI BORDEAUX. TUTTI IN CALO PREZZI DELLA VENDEMMIA 2013, TRA LE PIÙ COMPLICATE DEGLI ULTIMI ANNI, DA MOUTON A LAFITE. MA I NÉGOCIANTS SI ASPETTAVANO DI PIÙ, E PREMIANO QUATRIÈME E CINQUIÉME CRU SOTTO I 40 DOLLARI


22 Aprile 2014, ore 10:53

IL MEGLIO DEL VINO ITALIANO IN TOURNÉE NELLE “CAPITALI” D’AMERICA CON “WINE SPECTATOR”: BEN 60 ETICHETTE SU POCO PIÙ DI 200 DEL GRAND TOUR 2014 DELLA RIVISTA USA CHE TOCCHERÀ NEW YORK, WASHINGTON E LAS VEGAS, SONO TRICOLORE. DAL PIEMONTE ALLA SICILIA


18 Aprile 2014, ore 13:35

IN CANTINA SI CUSTODISCONO I VINI. MA ANCHE AMPELOGRAFIE, TRATTATI, FONDI STORICI, DAL ’700 AD OGGI, PARTE DEI 15.000 VOLUMI RACCOLTI DAL PROFESSOR ATTILIO SCIENZA NELLA “BIBLIOTECA DEL VINO” A GUADO AL MELO. DOVE SI PUÒ “STUDIARE” LA STORIA DEL VINO


18 Aprile 2014, ore 11:38

COME RICONQUISTARE I GIOVANI CONSUMATORI NELLA “VECCHIA EUROPA”, DOVE IL CALO DEI CONSUMI DI VINO SEMBRA INESORABILE, SOPRATTUTTO NEI PAESI PIÙ IMPORTANTI PER LA PRODUZIONE? PUNTANDO SU VINI DOLCI E FRUTTATI. LO DICE UNA RICERCA DI “MINTEL”


17 Aprile 2014, ore 17:33

CON IL WEEK END PASQUALE INIZIA UNA LUNGA SERIE DI FESTIVITÀ E PONTI DI PRIMAVERA, UN’OCCASIONE IMPERDIBILE PER UNA GITA FUORI PORTA. DOVE? DAI “SALOTTI DEL GUSTO” AL “PALIO DEL RECIOTO”, DAL “FESTIVAL DELL’ASPARAGO” ALLA “DIETA MED-ITALIANA”




TUTTI GLI ARTICOLI
pioviggine Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 16°
Precip: 0-1mm
parz nuvoloso Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 24°
Precip: -
parz nuvoloso Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 22°
Precip: -
piovaschi e schiarite Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 21°
Precip: 0-2mm
poche nubi Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 23°
Precip: -
piovaschi e schiarite Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 20°
Precip: 0-2mm
quasi sereno Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 22°
Precip: -
quasi sereno Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 20°
Precip: -
acquazzoni e schiarite Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 18°
Precip: 2-5mm
temporali isolati Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 22°
Precip: 0-5mm
temporali isolati Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 20°
Precip: 0-5mm
piovaschi e schiarite Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 20°
Precip: 0-2mm
velature sparse Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 22°
Precip: -
piovaschi e schiarite Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 17°
Precip: 0-2mm
piovaschi e schiarite Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 18°
Precip: 0-2mm
temporali isolati Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 24°
Precip: 0-5mm
temporale e schiarite Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 19°
Precip: 5-10mm
velature sparse Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 23°
Precip: -
pioggia debole Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 18°
Precip: 2-4mm
nubi sparse e schiarite Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 19°
Precip: -
velature lievi Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 22°
Precip: -
pioviggine Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 16°
Precip: 0-1mm
piovaschi e schiarite Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 17°
Precip: 0-2mm
quasi sereno Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 20°
Precip: -
temporali isolati Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 16°
Precip: 0-5mm
temporali isolati Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 21°
Precip: 0-5mm
piovaschi e schiarite Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 23°
Precip: 0-2mm
piovaschi e schiarite Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 20°
Precip: 0-2mm
variabile Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 18°
Precip: -
temporali isolati Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 20°
Precip: 0-5mm
velature sparse Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 20°
Precip: -
nubi sparse e schiarite Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 23°
Precip: -
parz nuvoloso Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 22°
Precip: -
quasi sereno Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 18°
Precip: -
variabile Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 18°
Precip: -
temporali isolati Soave:
Soave (VR)

Temp: 22°
Precip: 0-5mm
quasi sereno Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 21°
Precip: -
pioggia debole Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 18°
Precip: 2-4mm
variabile Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 22°
Precip: -
parz nuvoloso Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 23°
Precip: -
parz nuvoloso Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 23°
Precip: -
parz nuvoloso Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 23°
Precip: -
poche nubi Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 23°
Precip: -
poche nubi Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 23°
Precip: -
nubi sparse e schiarite Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 20°
Precip: -
temporali isolati Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 22°
Precip: 0-5mm






Tutti gli articoli Vai