santamargherita

Categoria: News

Bordeaux - 17 Gennaio 2013, ore 17:12

CONSUMI IN FORTE CRESCITA, PREZZI MEDI ANCHE, ITALIA E FRANCIA ANCORA LEADER NELLA PRODUZIONE E NELL’EXPORT, STATI UNITI E GERMANIA AL TOP PER CONSUMI ED IMPORTAZIONI, MENTRE CINA E RUSSIA SCALANO POSIZIONI. ECCO IL 2016 DEL VINO SECONDO VINEXPO-ISWR

Il vino nel mondo per Vinexpo e IswrCome sarà il mondo del vino nei prossimi anni, quali i trend da seguire, e quali i Paesi protagonisti da qui al 2016? Domanda difficile, alla quale prova a rispondere l’ultimo studio di Vinexpo e Iswr - International Wine & Spirits Research (le cui previsioni per il quinquennio precedente si sono puntualmente verificate, con un margine di errore dell’1%, www.iwsr.co.uk) sui cambiamenti nel panorama enoico tra il 2012 ed il 2016. Quello che si prospetta è un futuro ricco di possibilità, in cui i consumi continueranno a crescere (+5,3%), così come i prezzi medi (+8,7%), trainati dalla crescita di Stati Uniti e Cina, l’Australia invece non riuscirà a fermare il proprio declino, mentre Italia e Francia saranno ancora protagoniste, con i consumatori d’Oltralpe sempre più innamorati dei rosati.
Partendo dalla produzione, la Francia si confermerà leader, con una media di 45 milioni di ettolitri di vino prodotto ogni anno, seguita da Italia e Spagna, indietro nel rinnovamento dei propri vigneti. Dietro, gli Stati Uniti, che iniziano a soffrire la mancanza di terreni in cui crescere, seguiti dall’Argentina e dalla Cina (che scalerà due posizioni, dalla n. 8 alla n. 6), che si lascerà alle spalle Cile, Germania ed Australia (la cui produzione crollerà del 10%, da 11 a 10 milioni di ettolitri l’anno). La miglior performance sarà appannaggio invece del Sudafrica, la cui produzione tra il 2012 ed il 2016 sarà pari al 30%.
Continueranno a crescere i consumi di vino nel mondo, a ritmi maggiori del periodo precedente (+5,3% contro il +2,8%), in particolar modo le bollicine (+8,5%), ma le gerarchie non saranno più le stesse: se gli Usa si confermeranno al primo posto (con una crescita del 12% nel periodo 2012-2016), la Germania è destinata a scavalcare Francia ed Italia e diventare il secondo Paese al mondo in termini di quantità di vino consumato. La “strana coppia” Cina ed Hong Kong (calcolate insieme dallo studio di Vinexpo e Iwsr), nonostante una crescita prevista del 40%, non andranno oltre la posizione n. 5, seguite da Regno Unito (-4%), Russia (+18%) e Argentina. Non cambierà nulla, invece, nella graduatoria dei consumi pro capite, con Francia, Italia, Svizzera, Portogallo, Danimarca e Germania ai primi posti, con una decelerazione nella caduta dei consumi in Francia, ed un peggioramento continuo nel Belpaese. Anche se i consumi medi non sono paragonabili a quelli dei Paesi europei, è in Cina, Usa e Canada che bisognerà continuare a puntare, e secondo Robert Beynat, Ceo di Vinexpo, proprio il mercato degli Stati Uniti “continuerà ad essere il più promettente del mondo, ed allo stesso tempo il più difficile, sia per la frantumazione intrinseca di un Paese federale, sia per la polarizzazione del mercato intorno a New York, che rappresenta il 50% del mercato. Eppure, nonostante tutto, se avessi 100 dollari da investire, punterei ancora sugli Usa”. Dall’altra parte, l’Asia continua a crescere, e ad imporre i propri gusti, che virano con decisione sui vini rossi, a scapito dei bianchi, specie australiani.
A fronte di una crescita dei volumi consumati del 10% tra il 2007 ed il 2016, in termini di valore le stime sono di un +28%, con una crescita continua anche nei prossimi anni (seppure inferiore a quella registrata nel periodo 2007-2011: +8,7% contro +15,3%). Ad apprezzarsi saranno soprattutto i vini del segmento superiore ai 10 dollari a bottiglia (+30%), ma cresceranno anche le etichette vendute ad un prezzo compreso tra i 5 ed i 10 dollari (+10%), e quelle sotto i 5 dollari (+3%), per un valore del comparto vino nel mondo che, nel 2016, toccherà i 183 miliardi di dollari, confermandosi un prodotto di larghissimo consumo. Tra i Paesi importatori, bisogna distinguere tra quelli che dipendono esclusivamente dalle produzioni altrui, come Regno Unito (al secondo posto tra i Paesi che importano più vino), Olanda (n. 6), Belgio e Lussemburgo (n. 8), Svezia (n. 9), quelli che ne dipendono molto pur producendo vino, come la Germania, primo importatore mondiale, il Canada (n. 7) e la Svizzera (n. 10). Poi, in una posizione intermedia, ci sono Russia (che produce il 43% del vino che consuma, ed è il quinto mercato per importazioni), Stati Uniti (dove la produzione interna copre il 73% dei consumi, al n. 3 tra i Paesi importatori) e la Cina (con una produzione capace di soddisfare l’80% del fabbisogno totale, al n. 4): mercati talmente grandi che anche piccole quote fanno la fortuna, o la sfortuna, di qualsiasi Paese produttore. Le gerarchie, però, cambieranno molto se si prendono in considerazione solo i vini frizzanti: la Cina neanche nel 2016 sarà tra i primi 10 importatori di bollicine, che vedrà il Regno Unito al primo posto (+ 9%), seguito da Usa (+35%), Germania (che passa dal n. al n. 3), Russia (+56%) , Belgio e Lussemburgo (+13%), Giappone, Svezia, Olanda, Australia (+23%) e Svizzera (+16%).
Lo studio non si sbilancia sulle performance delle esportazioni dei singoli Paesi, limitandosi a disegnare uno scenario in cui le tendenze registrate nel periodo 2007-2011 si confermeranno, in sostanza per tutti: quindi la Francia continuerà ad essere irraggiungibile in termini di valore totale e di prezzo medio della bottiglia (a quota, rispettivamente 10 miliardi di dollari e 5,3 dollari), mentre l’Italia dovrebbe confermarsi leader nelle quantità, anche se a prezzi medi molto inferiori (1,9 dollari a bottiglia, come i vini cileni), e la Spagna si confermerà terza forza mondiale (con un prezzo medio bassissimo, 1,1 dollari a bottiglia). Dietro, Australia, Cile, Usa, Argentina, Portogallo e Germania si spartiscono il resto della “torta”.

cecchi_news 2010

Altre News



TUTTI GLI ARTICOLI
Seguici su Twitter

WineMeteo

parz. nuvoloso Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 14°
Precip: -
velature lievi Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 17°
Precip: -
sereno con  foschia Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 14°
Precip: -
velature lievi Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 18°
Precip: -
sereno con  foschia Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 14°
Precip: -
velature lievi Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 19°
Precip: -
velature lievi Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 16°
Precip: -
velature lievi Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 20°
Precip: -
parz nuvoloso Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 16°
Precip: -
sereno Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 15°
Precip: -
quasi sereno Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 17°
Precip: -
poche nubi sparse Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 19°
Precip: -
velature lievi Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 17°
Precip: -
parz. nuvoloso Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 16°
Precip: -
sereno con  foschia Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 17°
Precip: -
sereno Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 16°
Precip: -
sereno Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 15°
Precip: -
sereno Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 18°
Precip: -
sereno Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 15°
Precip: -
sereno Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 16°
Precip: -
velature lievi Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 15°
Precip: -
sereno Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 16°
Precip: -
sereno Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 20°
Precip: -
quasi sereno Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 21°
Precip: -
parz. nuvoloso Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 22°
Precip: -
quasi sereno Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 21°
Precip: -
parz nuvoloso Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 21°
Precip: -
velature lievi Soave:
Soave (VR)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 20°
Precip: -
quasi sereno Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 17°
Precip: -
sereno Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 19°
Precip: -
velature lievi Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 18°
Precip: -
sereno Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 18°
Precip: -
velature lievi Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 17°
Precip: -
velature lievi Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 17°
Precip: -
Mezzacorona

Non solo vino
I capolavori dell'agroalimentare d'Italia

Leggi tutti gli articoli

Spazio promozionale

Panorama aziende

capraihome.png

ARNALDO CAPRAI

Il Sagrantino di Montefalco alla ribalta internazionale

castellobanfi.png

CASTELLO BANFI

In Toscana fra tradizione e innovazione

umanironchihome.png

UMANI RONCHI

L'esperienza marchigiana proiettata verso il futuro