Feed
Roma
03:25:43
New York
21:25:43
Los Angeles
18:25:43
Rio de Janeiro
21:25:43
Shanghai
09:25:43
Berlino
03:25:43
Londra
02:25:43
Parigi
03:25:43
Hong Kong
09:25:43
New Dheli
06:55:43
Tokyo
10:25:43
Dubai
05:25:43
Aggiornato al 16 Aprile 2014 ore 18:54
mastroberardino

Categoria: News

Roma - 26 Ottobre 2006, ore 17:22

L’INTERVENTO – L’ENOLOGO-MANAGER EZIO RIVELLA IN ESCLUSIVA PER WWW.WINENEWS.IT PRENDE POSIZIONE SUI TRUCIOLI: “RISCHIAMO DI ESSERE L’UNICO PAESE AL MONDO AD AUTO-PRIVARSI DI QUESTO STRUMENTO”

Ezio Rivella“Rischiamo di essere l’unico Paese al mondo ad autoprivarsi di questo strumento tecnico: ci tarpiamo le ali da soli!”: così l’enologo-manager Ezio Rivella interviene in esclusiva per www.winenews.it sulla questione dei trucioli nel vino, una pratica enologica recentemente autorizzata dall’Unione Europea. “La campagna mediatica contro l’impiego dei trucioli di legno di rovere nella elaborazione dei vini - spiega Rivella, ex presidente mondiale degli enologi ed oggi a capo della Sifa (società che organizza MiWine, ndr) - si è sviluppata nell’ultimo anno con punte di effervescenza politica trasversale, terminata con tanto di dibattimento alla Camera e votazione partecipe di maggioranza ed opposizione che impegnano il Governo a rendersi interprete delle nostre preoccupazioni e difensore a Bruxelles del prestigio del vino italiano di qualità, che giammai farà uso di questi espedienti per imitare il pregio. Ma la Camera dei Deputati non ha questioni più importanti di cui occuparsi, che della marginale questione dei trucioli nel vino? Purtroppo la questione è stata presentata male ed è stata montata peggio, per cui abbiamo assistito al penoso spettacolo di molti politici del passato e presente Governo, tutti impegnati nell’illustrare la caratura e l’importanza della produzione vitivinicola italiana (quella si che è reale), insidiata nella sua affermazione sui mercati da questa pratica subdola certamente da vietare per i nostri vini. Purtroppo i vini di mezzo mondo prodotti con questo “sotterfugio” sono già sugli scaffali di tutti i principali mercati, alla faccia dei nostri produttori, che con queste interdizioni, non ci arriveranno mai! Soltanto pochi anni fa l’Italia, insieme alla Francia ed a tutti gli altri Paesi d’Europa, aveva chiesto a gran voce di inserire l’uso dei “chips”di legno tra le pratiche enologiche autorizzate, perché si tratta di una pratica largamente seguita al di fuori dell’Europa, che assicura indubbi benefici al prodotto, per lo scambio che si stabilisce tra il vino ed i tannini del legno, con miglioramento del colore e della sua stabilità, ammorbidimento del gusto, resistenza all’invecchiamento, ecc. Il gusto di legno, quello deriva dall’eccesso di dosaggio, e non è un carattere positivo. Beninteso, si tratta di una imitazione, e come tale non è mai pari al livello qualitativo dell’originale, cioè della elaborazione in barrique, molto più costosa e quindi riservata ai vini di prezzo elevato. Infatti, California, Australia, Cile, hanno un patrimonio di barriques che sarà almeno dieci volte quello italiano e non è che hanno mai pensato di smontarle, per limitarsi all’uso dei “chips”. La cosa è molto semplice: è il risultato qualitativo che è diverso! Questa considerazione elementare non ha sfiorato i nostri soloni, che hanno parlato invece di “imitazione dei caratteri qualitativi”, “simulazione dell’invecchiamento tradizionale”, “livellamento verso il basso della qualità”. Una truffa per il consumatore che va, come minimo, evidenziata in etichetta, per correttezza di informazione (non ci sfiora il dubbio che anche altre cose andrebbero indicate in etichetta?). Si apre un capitolo su un terreno molto scivoloso!
Sentenzia l’on. Realacci “Legalizzare pratiche come quelle dei trucioli, vuol dire tradire l’identità e la qualità del nostro vino e accreditare l’omologazione ed il livellamento verso il basso della produzione vinicola italiana. Un danno per i produttori seri e per i consumatori, ma anche un rischio per un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese”. Continuando con queste reazioni isteriche e viscerali, sembra anche logico l’intervento (privo di fondamento), di tutta la schiera dei politici, in difesa del nostro vino. Il nostro autolesionismo risulta evidente anche se ci limitiamo ad esaminare la situazione in Europa: a Bruxelles, il Comitato Gestione Vini ha approvato la bozza di regolamento predisposto dalla Commissione. L’unica nazione a presentare le sue ridicole mozioni è stata l’Italia. Siamo noi i difensori della barrique? Il nostro patrimonio barricadero è certamente inferiore a quello della Francia, ed anche della Spagna: di che ci preoccupiamo? Partendo da considerazioni inesatte e lasciandoci prendere da reazioni epidermiche ed irrazionali, tutto il discorso ha avuto una evoluzione scontata.
Ma dove sono le organizzazioni di categoria, che dovrebbero difendere l’interesse dei produttori? Le organizzazioni sindacali agricole hanno ritenuto opportuno cavalcare la tigre, alla perenne ricerca di affermazioni mediatiche, senza approfondire il problema. Quelle vitivinicole si sono limitate a timide difese del provvedimento, preoccupate di squalificarsi agli occhi dell’opinione pubblica. Dove sono i tecnici del Ministero delle Politiche Agricole, quelli che un tempo dicevano quello che si doveva o non si doveva fare, (già, ma noi siamo l’unico paese al mondo che ha abolito il Ministero dell’Agricoltura)? Perché un Ministro versato e competente come il professor Paolo De Castro non è stato sufficientemente illuminato sull’argomento? Che fine ha fatto la sperimentazione ufficiale della tecnica condotta per quasi un decennio: il Ministro non conosce i risultati? Conoscono i nostri politici l’ampio dibattimento condotto per anni in sede O.I.V. , con la partecipazione di tutti i migliori esperti? L’uso dei trucioli in Italia era autorizzato e generalizzato fino al 1962, ma noi li usavamo come supporto dei lieviti nelle rifermentazioni e come germe di cristallizzazione per i tartrati. Non avevamo compreso il grande aiuto che possono dare i tannini del legno per la stabilità del colore e l’arrotondamento del gusto.
Il nostro pressappochismo ci porta di più a comportamenti sentimentali e non razionali: così è stata una gara verso le impostazioni assurde. La Regione Piemonte, in vena di autolesionismo, ha preannunciato che la Regione sarà dichiarata “senza trucioli” con interdizione assoluta alla pratica. Proprio la regione Piemonte invece, dovrebbe giovarsi moltissimo della pratica di impiego dei chips in vinificazione, migliorando qualitativamente, nel gusto e nella stabilità del colore, quel milione di ettolitri di Barbera sciatta, slavata, acida e sgarbata che impedisce alla Denominazione di decollare. Avrebbero un grande miglioramento a costo contenuto, adatto a vini di consumo quotidiano. I trucioli non servono al Barolo, o alla Barbera invecchiata! Il campionato del ridicolo poi, lo ha vinto il sindaco di Torrecuso, paese del Beneventano, che ha emanato una ordinanza che vieta, nel comune, l’uso dei trucioli ed il consumo di vini così trattatati. Fanno male alla salute, perché lo ha detto il professor Giorgio Calabrese (il quale deve aver colto l’analogia tra la formazione di sostanze cancerogene sulla carne arrostita alla brace, ed il legno bruciato alla fiamma). Ma i trucioli vengono solo riscaldati, e non bruciati. C’è da ridere? Certamente, ma c’è anche di che preoccuparsi, perché, se il metodo è questo, finchè si tratta di una questione marginale come quella dei trucioli, poco male. Ma che succederà quando dovremo affrontare grandi temi?”

cecchi_news 2010


Segui WineNews su YouTube

Altre News

16 Aprile 2014, ore 18:32

SECONDO UN REPORT DI VINEXPO, LA CINA È GIÀ IL PAESE N. 2 AL MONDO NEL CONSUMO DI VINI SOPRA I 10 DOLLARI. MA L’ITALIA NEL 2013 HA FATTO -32% IN VOLUME NELL’EXPORT VERSO IL GIGANTE ASIATICO. PER INVERIRE LA ROTTA, FONDAMENTALI LE “MISSIONI PAESE”


16 Aprile 2014, ore 17:23

UN’ENOTECA MONOMARCA INTERAMENTE DEDICATA AL GALLO NERO NEL CUORE DI FIRENZE: IL CONSORZIO DEL CHIANTI CLASSICO TRACCIA, CON LA SUA COMPANY, UNA NUOVA STRADA NELLA PROMOZIONE DEL VINO, ED APRE IL SUO WINE STORE NEL “MERCATO CENTALE FIRENZE”


16 Aprile 2014, ore 17:19

ACCETTÒ UNA BOTTIGLIA DI VINO: IL PREMIER DEL NUOVO GALLES, BARRY O’FARRELL, COSTRETTO A DIMETTERSI PER CORRUZIONE. IL GOVERNATORE AUSTRALIANO L’AVEVA RICEVUTA NEL 2011 IN REGALO DA UNA SOCIETÀ IDRICA, PER LA GESTIONE DI RETI NEL PAESE


16 Aprile 2014, ore 17:04

ALLARME OCM: DAL 2016, IL PRIMO PASSO VERSO LA LIBERALIZZAZIONE DEI DIRITTI DI IMPIANTO DEI VIGNETI, MA LE ASSOCIAZIONI DEL MONDO ENOICO DI FRANCIA, ITALIA, SPAGNA, GERMANIA E PORTOGALLO TEMONO IL BLITZ DI 14 PAESI “CONSERVATORI”, E SCRIVONO A CIOLOS


16 Aprile 2014, ore 16:57

SOCIAL MEDIA & MONDO DEL VINO: “LE CANTINE HANNO CAPITO L’IMPORTANZA DI QUESTI STRUMENTI, CHE SONO PIÙ UTILI COME MEZZI D’ANALISI CHE DI MARKETING TOUT COURT. MA ANCORA TANTO C’È DA FARE”. COSÌ, A WINENEWS, PAOLO ERRICO, ALLA GUIDA DI “SOCIAL METER”


16 Aprile 2014, ore 12:59

UN ALTRO DEGLI IMPRENDITORI PIÙ IMPORTANTI DEL PIANETA ENTRA NEL MONDO DELLA PRODUZIONE DI VINO (E DELL’ENOTURISMO): IL MAGNATE DEL GRUPPO VIRGIN, RICHARD BRANSON, HA ACQUISTATO MONT ROCHELLE HOTEL & MOUNTAIN VINEYARD, REALTÀ TOP DEL SUDAFRICA


16 Aprile 2014, ore 11:41

SE IL CONSUMO DI ALCOLICI IN GRAN BRETAGNA È TORNATO AI LIVELLI DEL 1990, CON UN CALO DEL 18% TRA IL 2004 ED IL 2013, IL PROBLEMA NON RIGUARDA CERTO LE BOLLICINE ITALIANE CHE, GRAZIE AL PROSECCO, NEL 2013 SONO CRESCIUTE DEL 40,3%


16 Aprile 2014, ore 11:37

DOPO L’APERTURA DI CREDITO AL VINO ITALIANO, CON BOROLI, IL COLOSSO DEL LUSSO LVMH AGGIUNGE UN ALTRO ASSO DI PRESTIGIO AL SUO PORTAFOGLI VINO: CLOS DES LAMBRAYS, TRA I PIÙ ANTICHI GRAND CRU DEL TERRITORIO PIÙ PRESTIGIOSO AL MONDO, LA BORGOGNA


16 Aprile 2014, ore 11:00

ALL’ASTA LA CANTINA DELLA LEGGENDA DEL CALCIO INGLESE, SIR ALEX FERGUSON: LA BATTERÀ CHRISTIE’S. TRA I “TOP LOT”, ROMANEE-CONTI GRAND CRU 1999 “ABBINATO” ALLE MAGLIE DEL TRIONFO IN CHAMPIONS LEAGUE 1999, E UNA 6 LITRI DI SASSICAIA 2005 AUTOGRAFATA


15 Aprile 2014, ore 18:45

“SOMMELIER MA NON TROPPO”, IL LIBRO DI FEDE E TINTO, SI AGGIUDICA IL “GOURMAND WORLD COOKBOOKS AWARD 2014”, IL RICONOSCIMENTO PIÙ IMPORTANTE NEL SETTORE DELL’EDITORIA ENOGASTRONOMICA INTERNAZIONALE NELLA CATEGORIA “WINE EDUCATION”


15 Aprile 2014, ore 18:43

VIA LIBERA DEFINITIVO DEL PARLAMENTO EUROPEO ALLA PROMOZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI EUROPEI, COMPRESO OVVIAMENTE IL VINO, SUL MERCATO INTERNO E NEL MONDO, COME AVEVA PREANNUNCIATO A WINENEWS, DA VINITALY, PAOLO DE CASTRO


15 Aprile 2014, ore 18:41

L’ANNUNCIO A VINITALY, MA ADESSO È STATO MESSO NERO SU BIANCO: CON DECRETO DEL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE MAURIZIO MARTINA, È STATO ISTITUTO IL COMITATO SCIENTIFICO DEL PADIGLIONE VINO DELL’EXPO 2015. CON VINITALY CHE REALIZZERÀ IL PADIGLIONE


15 Aprile 2014, ore 18:36

UN CASO DI SUCCESSO, L’OCM VINO: LE QUOTE DI MERCATO DEL VINO ITALIANO ALL’ESTERO SONO CRESCIUTE DEL 43% IN VALORE NELL’ARCO DI POCHI ANNI, PASSANDO DAI 3,4 MILIARDI DEL 2009 AI 5 MILIARDI DEL 2013, GRAZIE A 800 PROGRAMMI DI PROMOZIONE NEL MONDO


15 Aprile 2014, ore 17:02

A FIRENZE NASCE UN ALTRO GRANDE PROGETTO LEGATO AL GUSTO: IL “MERCATO CENTRALE FIRENZE”, CON TANTE BOTTEGHE E L’ENOTECA “MONOMARCA” DEL CONSORZIO DEL CHIANTI CLASSICO. CON IL WINE & FOOD, PERÒ, SEMPRE PIÙ DOMINANTI SULL’ASPETTO CULTURALE ...


15 Aprile 2014, ore 16:58

CONSUMI INTERNI: SOLO IL 52% DEGLI ITALIANI BEVE VINO E, NEL 2013, PER LA PRIMA VOLTA, I CONSUMATORI OCCASIONALI HANNO SUPERATO QUELLI ABITUALI. NEI DATI DEL RAPPORTO ISTAT SUI CONSUMI DI ALCOLICI IN ITALIA, I MOTIVI DI UNA DISCESA INARRESTABILE




TUTTI GLI ARTICOLI
temporale e schiarite Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 6°
Precip: 5-10mm
sereno Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 20°
Precip: -
sereno Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 18°
Precip: -
temporali isolati Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 16°
Precip: 0-5mm
quasi sereno Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 18°
Precip: -
temporali isolati Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 15°
Precip: 0-5mm
sereno Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 17°
Precip: -
poche nubi Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 11°
Precip: -
poche nubi Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 15°
Precip: -
quasi sereno Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 18°
Precip: -
piovaschi e schiarite Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 12°
Precip: 0-2mm
sereno Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 16°
Precip: -
quasi sereno Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 11°
Precip: -
parz nuvoloso Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 16°
Precip: -
poche nubi Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 19°
Precip: -
poche nubi Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 16°
Precip: -
quasi sereno Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 17°
Precip: -
rovesci e schiarite Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 13°
Precip: 4-8mm
poche nubi Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 13°
Precip: -
sereno Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 16°
Precip: -
piovaschi e schiarite Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 13°
Precip: 0-2mm
piovaschi e schiarite Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 13°
Precip: 0-2mm
poche nubi Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 14°
Precip: -
poche nubi Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 10°
Precip: -
poche nubi Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 14°
Precip: -
temporali isolati Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 13°
Precip: 0-5mm
poche nubi Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 16°
Precip: -
piovaschi e schiarite Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 13°
Precip: 0-2mm
poche nubi Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 13°
Precip: -
poche nubi Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 13°
Precip: -
parz nuvoloso Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 17°
Precip: -
nubi sparse e schiarite Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 20°
Precip: -
sereno Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 20°
Precip: -
sereno e ventoso Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 16°
Precip: -
sereno Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 17°
Precip: -
nubi sparse e schiarite Soave:
Soave (VR)

Temp: 17°
Precip: -
quasi sereno Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 18°
Precip: -
piovaschi e schiarite Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 12°
Precip: 0-2mm
poche nubi Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 15°
Precip: -
sereno Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 17°
Precip: -
poche nubi Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 14°
Precip: -
poche nubi Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 15°
Precip: -






Tutti gli articoli Vai