planeta
  

Categoria: FOCUS SULL'ALTRO MONDO

Roma - 06 Aprile 2017, ore 17:08

Nuova Zelanda, prima cantina “paradiso delle farfalle”... Canada, vino vale 9 miliardi di dollari ... Il 2016 del vino in California ... E a Bordeaux ... Oiv-Omd, vino in recipienti da 2-10 litri solo confezionato
a cura di Andrea Gabbrielli

- Nuova Zelanda, la prima azienda vinicola certificata “paradiso delle farfalle”
A Marlborough, la Yealands Family Wines è stata formalmente riconosciuta dalla Moths & Butterflies Trust of New Zealand come la prima azienda del paese “amica delle farfalle” per l’impegno profuso nella protezione degli insetti colorati. Negli ultimi anni, i giardinieri hanno creato nel Seaview Vineyard, un paradiso conosciuto come Butterfly Gully. Sono state impiantate 200 piante di Gomphocarpus physocarpus (conosciute come piante cigno) particolarmente adatte ad attirare le farfalle monarca, il giardino dispone anche di piante di ortica che sono il riparo per i bruchi destinati a diventare farfalle Admiral. I fiori selvatici che crescono tra le viti, forniscono una fonte naturale di nettare.
Peter Yealands, fondatore della Yealands Family Wines, sostiene che avere le farfalle nel vigneto è un vantaggio: “c’è qualcosa di gioioso nelle farfalle che rende il nostro lavoro tra i filari, sorridente. Quando si impara di più su di loro, sulla loro diversità, sul ciclo di vita e sulla loro vulnerabilità, ti appassioni tanto da aiutarle a sopravvivere e a prosperare” dice. Il capo degli operai, James Morrison è diventato un entusiasta studioso di lepidotteri e ha lavorato a stretto contatto con il team per creare il giardino amico delle farfalle.
Il Moths and Butterflies Trust of New Zealand conferisce il riconoscimento di “paradiso delle farfalle” solo a chi soddisfa un elenco definito di requisiti ambientali. Butterfly Gully è una parte del White Road Tour nei vigneti che offre ai visitatori la possibilità di girare nel territorio, di conoscere la vinificazione, la sostenibilità e la biodiversità. La segnaletica lungo il percorso descrive la metamorfosi delle farfalle e le piante di cui hanno bisogno per sopravvivere. Le farfalle sono un buon indicatore dello stato di salute dell’ambiente in quanto sono molto sensibili anche ai più piccoli segni di inquinamento.
Fonte: www.stuff.co.nz

- Canada, il settore vinicolo vale 9 miliardi di dollari
La Canadian Vintners Association (Cva), insieme all’All-Party Parliamentary Canadian Wine Caucus, ha presentato i risultati di una ricerca sull’industria della vite e del vino e sull’impatto economico del settore: il comparto vinicolo è passato dai 6,8 miliardi di dollari a 9 miliardi di dollari (+33%) nel periodo 2011-2015. Il report Canada’s Wine Economy - Ripe Robust Remarkable, commissionato dalla Canadian Vintners Association, dalla Winery & Grower Alliance of Ontario, dal British Columbia Wine Institute e dalla Winery Association of Nova Scotia, conferma che l’industria del vino dà un grande e significativo contributo alla economia canadese nel complesso, soprattutto in Ontario, British Columbia, Quebec e Nova Scotia.
“L’industria del vino canadese è un contributore sempre più significativo della nostra economia nazionale”, ha detto Dan Paszkowski, presidente e ceo di Cva. “Le nostre 671 cantine, in gran parte piccole imprese a conduzione familiare, creano posti di lavoro, pagano tasse significative e incrementano le economie regionali, provinciali e nazionali allo stesso modo”. I viticoltori canadesi supportano una vasta rete di industrie connesse ai centri rurali e regionali in tutto il Paese attraverso investimenti importanti, posti di lavoro a lungo termine e sono opportunità di mercato per le comunità rurali.
“L’industria del vino e l’uva è una storia canadese di successo. Non solo impiegano oltre 37.000 canadesi, ma la diversità dei posti di lavoro creati da questo settore, è notevole: dal turismo e alla vendita al dettaglio, dal marketing, alle ricerche di laboratorio e all’agricoltura”. Il consumo di vino in Canada continua a crescere e molti canadesi stanno aggiungendo un bicchiere di vino al consumo di liquori o di birra. Attualmente i vini canadesi rappresentano solo il 30% delle vendite totali di vino del paese rispetto al 70% dei vini importati, quindi c’è un enorme potenziale di crescita delle vendite di vino canadese di cui beneficerà l’intera economia nazionale. “Ogni dollaro investito nell’economia del vino canadese stimola più posti di lavoro, più reddito e più tasse”, dice Paszkowski. “Abbiamo contribuito con 9 miliardi di dollari all’economia nazionale nel 2015 o con 1 milione ogni ora, che è il 33% in più rispetto al 2011”.
Ecco una sintesi del valore del vino canadese secondo lo studio indipendente condotto da Frank, Rimerman + Co., società internazionale leader nel settore della ricerca sul vino, che ha condotto studi simili in altre regioni vinicole del mondo. Produzione industria del vino canadese ha un impatto economico nazionale annuale di 9 miliardi di dollari. Ogni bottiglia di vino venduto in Canada genera 36,54 dollari di impatto economico nazionale. Il vino e l’uva industria Ontario genera 4,4 miliardi di dollari di impatto economico, British Columbia 2,8 miliardi di dollari, Quebec 1,1 miliardi e 218 milioni in Nova Scotia.
L’industria della vite e del vino canadese impiega più di 37.000 posti di lavoro nel settore della produzione, agricoltura, turismo, trasporti, ricerca, ristoranti e vendita al dettaglio. Turismo del vino accoglie più di 3,7 milioni di visitatori ogni anno, generando più di 1,5 miliardi ogni anno in entrate del turismo e dell’occupazione. L’industria del vino genera 1,7 miliardi di dollari di entrate fiscali federali e provinciali. Per ogni dollaro speso per il vino canadese venduto in Canada, il Pil del Paese s’incrementa di 3,42 dollari.
Fonte: www.marketwired.com

- California, prezzi, uve, quantità 2016
I risultati finali della vendemmia 2016 in California hanno dimostrato che Chardonnay e Cabernet Sauvignon sono ancora le uve più coltivate. Il raccolto è stato 4,227,110 tonnellate, con un aumento del 9,3% sul 2015, con le uve da vino che rappresentano 4.031 milioni di tonnellate secondo l’ultimo rapporto dal servizio statistiche di Usda (Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti d’America).
Le uve rosse hanno dominato ancora una volta, con 2.27milioni di tonnellate, con una crescita del 11,6 % rispetto all’anno precedente. Le uve bianche sono state pari a 1,75 milioni di tonnellate, con un incremento del 5,3%. Il prezzo delle uve da vino è in aumento, a scapito di uva passa e uva da tavola. Il prezzo medio per tonnellata delle uve da vino rosso è aumentato del 16,3% a 918,34 dollari a tonnellata mentre la media delle uve bianche è stata di 598,07 dollari, un salto del 10,7 % a partire dal 2015. In discesa il prezzo dell’uva passa (-13,7%) ora a 213,64 dollari a tonnellata, mentre i prezzi medi delle uve da tavola è calato a 153,05 dollari per tonnellata (-39,4%). Le uve Chardonnay in volume (16% del totale) è la principale uva da vino mentre le uve Cabernet (13,4%) sono le seconde. Con il 6% del totale il Pinot nero è in crescita: +25 % sul 2015. Il prezzo medio per tonnellata delle uve della Napa Valley è stato di 4,685.58 dollari per tonnellata, con un aumento del 7,8 % mentre le uve di Sonoma e di Marin sono cresciute del 6,1 % ad un prezzo medio di 2.590,23 dollari. Il prezzo medio del Cabernet è salito dell’11,5 % a 1.468,34 dollari mentre lo Chardonnay segna +12,4 % a 886 dollari per tonnellata. L’incremento della produzione è stata vissuta con sollievo dall’industria del vino e dei consumatori, anche perché gli ultimi dati Nielsen hanno dimostrato che i consumi di vino negli Usa, saliranno ancora. Il valore totale dei consumi per l’anno (scaduto il 25 febbraio), è stato di quasi 14 miliardi di dollari, con i vini nazionali che rappresentano più di 10 miliardi e sono al +3,9 % rispetto all’anno precedente. Scavando più in profondità nei dati, il segmento di prezzo più grande rimane quello tra 3-6 dollari che rappresenta il 29,8% di tutto il vino venduto. Si registrano inoltre notevoli aumenti per i vini a più di 9 dollari a bottiglia. Quelli tra 15-20 dollari sono cresciuti del 11,2 % mentre il segmento 20 dollari più è salito del 9,6% a quasi 1 miliardo. Le vendite di vino importato sono aumentate del 2,2%. Il vino italiano domina ancora degli Stati Uniti con le importazioni quasi a 1,24 miliardi di dollari. Seguono Australia e Argentina anche se entrambi sono scesi notevolmente nel corso dell’ultimo anno (-3,5 e -3,9% rispettivamente). L’Argentina è stata quasi superata dalla Nuova Zelanda, le cui importazioni sono cresciute in valore del 13,7% durante l’anno scorso. Anche la Francia ha aumentato il valore, vendendo più di 3,5 miliardi. Cile e Germania hanno subito le maggiori perdite di valore, rispettivamente del 6 e 6,5%.
Dal punto di vista dei vitigni, il duo Chardonnay-Cabernet continua a dominare, con quelle uve che rappresentano rispettivamente il 18,4 e il 16,9% del mercato. Altri grandi movimenti si sono registrati nell’ambito miscele rosse dolci (+11,7%), del Sauvignon Blanc (+10,7%) e la straordinaria categoria dei vini rosati nel segmento degli 8 dollari, che è cresciuto di un enorme 56,6 %. E chi sono i grandi perdenti? White Zinfandel e Merlot hanno perso il 5,1 per %, ma la peggiore performance in generale è stata dello Syrah che ha visto una contrazione del 11% rispetto all’anno precedente.
Fonte: www.wine-searcher.com

- Bordeaux, la produzione 2016 e la capacità di commercializzazione
Bordeaux si ritrova con un’annata molto più abbondante delle sue capacità di commercializzazione. Per mantenere l’equilibrio di mercato, le vendite dovrebbero crescere. L’annata 2016 è stata abbondante ed eccellente in tutta Bordeaux.
“Il 2016 è un anno straordinario - ha detto Allan Sichel presidente dell’interprofessionale Civb, nella conferenza stampa a Parigi il 14 marzo - siamo entusiasti. I rossi sono magnifici e i bianchi sono aromatici e croccanti e i rosati hanno una bella freschezza”. La vendemmia è stata la più importante degli ultimi dieci anni, con 5,8 milioni di ettolitri, + 9% rispetto al 2015. Un aspetto che rende difficili le cose perché la capacità di commercializzazione, non ha lo stesso andamento. Infatti, le vendite sono in calo del 3%. Secondo l’interprofessionale Civb, nel 2016, Bordeaux ha venduto 4,7 milioni di ettolitri in Francia e all’estero, in calo del 3% rispetto al 2015. Il vigneto ha rastrellato 3,65 miliardi di euro ma anche in questo caso con un calo del 3%. In Francia le vendite sono scese, a cominciare dalle vendite al dettaglio che perdono 3% in volume. Tuttavia, i volumi delle esportazioni sono stabili a 2 milioni di ettolitri.
Bordeaux è aumentato notevolmente in Cina e negli Stati Uniti, ma è arretrata nell’Unione Europea. Per il presidente della interprofessionale, le vendite sono ancora “molto influenzate dal piccolo raccolto (in volume) del 2013 e dai raccolti medi del 2014 e 2015”. Il Civb stima che bisogna aumentare le vendite del 9% per mantenere l’equilibrio del mercato.
“Puntiamo a 5,3 milioni di ettolitri nel 2017. Per avere delle scorte equilibrate, è il volume che dobbiamo vendere. Se riusciremo a raggiungere tra l’8 e il 10%, ciò darà la fiducia al settore di mantenere i prezzi” sostiene Allan Sichel. Ai commercianti che obiettano di considerare l’obiettivo ambizioso, Sichel propone un una visione diversa che dimostra il contrario. “Nel mondo il 20% delle opportunità di consumo di vino è nella fascia a più di 5 euro. È questo l’obiettivo di mercato. Noi rappresentiamo il 2% della produzione mondiale di vino. Vuol dire che un paio di volte su dieci consumatori di vino sopra i 5 euro, pensano a Bordeaux. Ci stiamo lavorando”.
Fonte: www.vitisphere.com

- Oiv/Omd, vino in recipienti da 2 e 10 litri non più sfuso ma confezionato
Con la nuova versione del Sistema Armonizzato (Sa) della nomenclatura entrato in vigore il 1 gennaio 2017, i vini in recipienti di capacità compresa tra 2 e 10 litri (nuova sottovoce 2204.22) non saranno più considerati vini sfusi bensì prodotti confezionati. Il provvedimento era molto atteso dal settore vinicolo di tutto il mondo perché aiuta a comprendere e programmare la propria politica vitivinicola. Si tratta della sesta edizione di questa norma internazionale elaborata dall’Organizzazione mondiale delle dogane (Omd), adottata per la prima volta nel 1983 e utilizzata da più di 200 paesi e unioni economiche e doganali, per classificare le merci scambiate nel mondo. La versione 2017 della nomenclatura del Sa comprende 5387 codici a sei cifre (rispetto ai 5.205 della versione 2012).
Il Sa è utilizzato dagli Stati per stabilire le tariffe doganali nazionali ed elaborare le statistiche commerciali internazionali. La versione 2017 della nomenclatura del Sa comprende 233 serie di emendamenti di cui 85 riguardano il settore agricolo, come la proposta dell’Oiv - Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino presentata all’Omd nel 2013. La posizione 22.04 comprendeva solo due sottovoci: la 2204.21, che identificava il vino in recipienti di capacità inferiore o uguale a 2 litri e la sottovoce 2204.29, che identificava il vino in recipienti di capacità superiore a 2 litri, quello che viene abitualmente definito vino sfuso.
Con la nuova sottovoce 2204.22, i vini in recipienti di capacità compresa tra 2 e 10 litri non saranno più considerati vini sfusi bensì prodotti confezionati. Secondo Jean-Marie Aurand, direttore generale dell’Oiv, “questa nuova nomenclatura di riferimento mondiale proposta dall’Oiv aumenta la trasparenza e la chiarezza della raccolta di dati statistici del settore e consentirà di comunicare cifre più precise a livello mondiale su questo tipo di prodotti”. Le esportazioni di vino sfuso mostrano una crescita considerevole e nel 2015 hanno raggiunto i 39,6 milioni di ettolitri, pari al 38% del volume totale degli scambi (statistiche basate sulla nomenclatura 2012 riguardante i vini in recipienti di capacità superiore a 2 litri).
Fonte: www.oiv.int

cecchi_news 2010

Altre News



TUTTI GLI ARTICOLI
Vinitaly @Expo Milano 2015 - #vino2015

WineMeteo

sereno Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 31°
Precip: -
rovesci e schiarite Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 23°
Precip: 4-8mm
rovesci e schiarite Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 22°
Precip: 4-8mm
temporale e schiarite Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 26°
Precip: 10-20mm
possibile temporale Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 28°
Precip: 0-5mm
temporale e schiarite Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 25°
Precip: 10-20mm
possibile temporale Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 27°
Precip: 0-5mm
quasi sereno Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 29°
Precip: -
parz nuvoloso Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 24°
Precip: -
parz nuvoloso Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 30°
Precip: -
temporale e schiarite Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 26°
Precip: 5-10mm
sereno Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 35°
Precip: -
temporale e schiarite Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 26°
Precip: 10-20mm
temporale e schiarite Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 25°
Precip: 10-20mm
parz nuvoloso Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 26°
Precip: -
sereno con veli Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 35°
Precip: -
piovaschi e schiarite Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 27°
Precip: 0-2mm
parz nuvoloso Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 29°
Precip: -
temporale e schiarite Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 26°
Precip: 10-20mm
sereno Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 31°
Precip: -
temporale e schiarite Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 32°
Precip: 5-10mm
temporale e schiarite Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 29°
Precip: 5-10mm
sereno Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 37°
Precip: -
parz nuvoloso Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 35°
Precip: -
quasi sereno Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 29°
Precip: -
parz nuvoloso Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 24°
Precip: -
parz nuvoloso Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 32°
Precip: -
sereno Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 37°
Precip: -
temporale e schiarite Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 25°
Precip: 10-20mm
piovaschi e schiarite Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 32°
Precip: 0-2mm
possibile temporale Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 31°
Precip: 0-5mm
parz nuvoloso Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 29°
Precip: -
poche nubi Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 27°
Precip: -
sereno e ventoso Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 32°
Precip: -
sereno con veli Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 30°
Precip: -
velature sparse Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 30°
Precip: -
sereno Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 30°
Precip: -
temporale e schiarite Soave:
Soave (VR)

Temp: 26°
Precip: 10-20mm
quasi sereno Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 29°
Precip: -
quasi sereno Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 31°
Precip: -
possibile temporale Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 31°
Precip: 0-5mm
rovesci e schiarite Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 23°
Precip: 4-8mm
rovesci e schiarite Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 24°
Precip: 4-8mm
rovesci e schiarite Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 23°
Precip: 4-8mm
piovaschi e schiarite Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 22°
Precip: 0-2mm
rovesci e schiarite Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 22°
Precip: 4-8mm
temporale e schiarite Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 32°
Precip: 5-10mm
parz nuvoloso Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 30°
Precip: -
Mezzacorona

Non solo vino
I capolavori dell'agroalimentare d'Italia