WineNews - Asia-Pacifico: Wine Regulatory Forum’s 2015 Apec... Rpc: Changyu Wine globale... Nz: lieviti nei caratteri vino... Australia: Treasury cambia distribuzione... Usa: Terlato perde Santa Margherita, ma fonde spiriti con Distell<BR>di Andrea Gabbrielli - The Pocket Wine Web Site in Italy
planeta
  

Categoria: FOCUS SULL'ALTRO MONDO

Roma - 09 Dicembre 2015, ore 16:27

Asia-Pacifico: Wine Regulatory Forum’s 2015 Apec... Rpc: Changyu Wine globale... Nz: lieviti nei caratteri vino... Australia: Treasury cambia distribuzione... Usa: Terlato perde Santa Margherita, ma fonde spiriti con Distell
di Andrea Gabbrielli

- Asia-Pacifico, riunione del Wine Regulatory Forum’s 2015 dell’Apec
Più di 80 tra rappresentanti dell’industria vinicola ed esperti di regolamentazioni vinicole provenienti da 17 paesi del Pacifico si sono incontrati ad Adelaide (South Australia) per mettere a punto lo snellimento delle procedure di import-export del vino. La due giorni dell’Asia-Pacific Economic Cooperation (Apec) Wine Regulatory Forum’s 2015 è stata incentrata sull’eliminazione della duplicazione dei regolamenti con l’obiettivo di ridurre i costi del commercio transfrontaliero, stimolare la domanda e aumentare le esportazioni di vino verso l’intera regione.
Le proposte messe in campo ad Adelaide miglioreranno in modo significativo le prospettive commerciali in tutta la regione permettendo un notevole risparmio ai viticoltori e ai produttori di vino, ha dichiarato in un comunicato Tony Battaglene, general manager della divisione affari internazionali della Winemakers’ Federation of Australia. I vari requisiti variano da Paese a Paese e possono rappresentare dei costi proibitivi per i produttori di vino.
Tra i temi trattati l’armonizzazione dei limiti massimi dei residui fissati dei pesticidi utilizzati per l’uva da vino; l’efficienza dei test analitici; un accordo sui principi internazionali da utilizzare nel momento in cui si promulgano delle nuove norme di vino; sviluppare un modello di certificato per l’esportazione del vino che può essere utilizzato in qualsiasi economia Apec. I 17 paesi presenti alla riunione dell’APEC sono stati: Australia, Canada, Cile, Cina, Cina Hong Kong, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Perù, Filippine, la Federazione russa, Cina Taipei, Thailandia, Stati Uniti e Vietnam. Inoltre, i rappresentanti di Argentina e Sud Africa hanno partecipato alla riunione in qualità di osservatori. La prossima riunione a Ottawa, Ontario, nel mese di ottobre 2016. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://wineregulatoryforum.blogspot.com.au
Fonte: www.goodfruit.com

- Rpc, Changyu Wine vuole diventare un’azienda globale
La Yantai Changyu Pionieer Vino Co Ltd, la principale e più antica cantina cinese fondata nel 1892, sta intensificando le sue acquisizioni all’estero. L’ultima acquisizione è stata la cantina spagnola Marques del Atrio, un’azienda che vende i suoi vini in 40 Paesi tanto che il 55% del fatturato proviene proprio dall’estero e ha rapporti consolidati a livello globale con aziende leader della distribuzione come Carrefour e Tesco. Nel 2013 Changyu aveva rilevato il Cognac Roullet Fransac. Secondo il dg Zhou Hongjiang, l’acquisto della maison francese di Cognac - di cui non ha fornito i dettagli e né il prezzo pagato - fa parte della strategia generale di globalizzazione dell’azienda. Quanto al Marques del Atrio, che attualmente ha nel mercato cinese una quota inferiore all’1%, Zhou ha detto di voler cambiare le cose introducendo di più il vino spagnolo in Cina, già molto popolare sia in Usa che in Europa.
“Changyu dovrebbero comprare un certo numero di marche famose se vuole diventare un’azienda top rate nel mondo. Deve investire e deve acquisire nuove risorse: solo avendo portfolio globale ben fornito l’azienda potrà efficacemente competere con le grandi aziende mondiali”. Changyu prevede investimenti in Francia, Spagna, Italia, Australia e Stati Uniti.
Fonte: www.chinadaily.com

- Nuova Zelanda, l’importanza dei lieviti nei caratteri del vino
Le diverse giaciture o i terroir in cui vengono coltivate le uve sono da sempre ritenute responsabili delle caratteristiche dei vini. Ma le evidenze scientifiche in proposito, sono assai carenti. Un gruppo di ricercatori di Auckland ha confermato che almeno un aspetto del terroir - i diversi ceppi di lievito locale - può effettivamente alterare il risultato della fermentazione Sauvignon Blanc. “Il messaggio da portare a casa con questa ricerca, è che i diversi ceppi di lieviti utilizzati per fermentare l’uva, imprimono una chimica particolare al vino”, ha detto il microbiologo Jack Gilbert dell’Argonne National Laboratory in Illinois che non è stato coinvolto nel lavoro.
“La comunità del vino è consapevole che il lievito gioca un ruolo (nel terroir) e che il lievito sulla pianta potrebbe dare a un ceppo di Merlot, coltivato in due luoghi diversi, due gusti diversi”, ha aggiunto, anche se questa ipotesi formalmente non era provata. “Lo studio evidenzia che i tipi di metaboliti di quei diversi ceppi di lievito possono effettivamente generare una differenza.” Il mosto d’uva – l’uva appena pigiata, vinaccioli, bucce e raspi appena vendemmiati- può essere trasformato in vino o inoculando una coltura di lievito puro oppure permettendo ai microbi naturalmente presenti di effettuare la fermentazione spontanea. È noto che questi microbi già presenti in natura hanno delle specificità regionali, ha osservato Matthew Goddard dell’University of Auckland e dell’University of Lincoln nel Regno Unito - ma non era chiaro se queste differenze, si traducevano in diversi sapori e aromi “Lo studio affronta questa questione”.
Il team di ricerca di Goddard ad Auckland per primo ha identificato e isolato i sei principali ceppi di lievito Saccharomyces cerevisiae presente in ciascuna delle sei regioni produttrici di vino della Nuova Zelanda. I ricercatori hanno poi inoculato questi ceppi singolarmente nel succo d’uva sterilizzato di Sauvignon Blanc per iniziare la fermentazione. Al termine poi si sono fatti la domanda “Quali sono i vini che derivano da questi ceppi di lieviti?”.
I vini sono stati analizzati per cercare la presenza e la quantità di 39 composti volatili oltre ad altri parametri standard di qualità quali etanolo, acidità, e zucchero. I ricercatori hanno scoperto che le firme chimiche dei vini hanno mostrato un elevato grado di sovrapposizione, ma che i profili di quelli prodotti dai lieviti provenienti dalla stessa regione tendono a raggrupparsi, indicando che i vini hanno indubbiamente dimostrato un carattere regionale. Il team ha scoperto che la firma regionale più distinta, apparteneva ai vini prodotti con i ceppi di lievito provenienti da Nelson, area situata nell’estremità più settentrionale della Nuova Zelanda. I vini hanno condiviso “una collezione di composti che si sono distinti”, ha detto Goddard. D’altra parte questa diversità non è una novità per gli assaggiatori.
“Questa è la prima dimostrazione quantitativa di una componente microbiologica dei terroir“, ha dichiarato l’enologo Vladimir Jiranek dell’Università di Adelaide, che non ha partecipato allo studio. “Si inizia a spiegare la base di quella unicità (che) è bello conoscere“, ha detto, “ma da un punto di vista della ricerca del vino, quello che vogliamo fare è di manipolare quel profilo microbiologico per favorire un particolare esito della vinificazione”.
Fonte: www.the-scientist.com

- Australia, Treasury cambia modello di distribuzione e passa ai grossisti
Treasury Wine Estates sta implementando un nuovo modello distribuzione in base al quale i clienti non ordineranno più il vino direttamente alla società. Gli ordini, d’ora in poi, saranno soddisfatti attraverso i grossisti, ha detto un portavoce della società a drinksbulletin come “parte di una strategia più ampia di guidare costantemente il miglioramento delle prestazioni del business”.
“Il cambiamento ridurrà la complessità della gestione della catena di distribuzione di Twe in Australia, rendendo più facile e più efficiente per i clienti accedere i nostri vini e consentendo Twe di concentrarsi sulle aree fondamentali del marketing, brand building, della vendita e della produzione”.
“Siamo stati soddisfatti della risposta che abbiamo ricevuto da parte dei clienti fino ad oggi, e apprezzare il modo in cui hanno accettato il cambiamento”, ha detto il portavoce. “Mentre lavoriamo al processo di transizione, ci può essere un impatto in un piccolo numero di ruoli negli uffici, ma è troppo presto per fare osservazioni in proposito”. La società prevede il cambiamenti del sistema di distribuzione sarà completati entro la fine di febbraio 2016.
Fonte: www.drinksbulletin.com.au

- Usa, Terlato perde Santa Margherita ma fonde la divisione spiriti con la sud africana Distell
Terlato Wine Group sta fondendo il suo settore spiriti con la divisione americana della sudafricana Distell Group per formare una nuova joint venture con sede e gestione a Lake Bluff (Illinois). Bill Terlato sarà l’amministratore delegato della nuova società paritetica che sarà gestita come una divisione separata di Terlato Wines e sarà chiamata Artisan Spirits. L’accordo verrà completato nel primo trimestre 2016. Entrambe le società stanno contribuendo, con una eguale quantità di capitale, per iniziare il business, ha detto Terlato.
Le attività americane di Distell sono a New York e l’azienda possiede marchi come Amarula Cream Liqueur, Bain’s Cape Mountain Whisky, Bisquit Cognac e Burn Steward Distillers, un gruppo di Scotch whiskys che comprende Bunnahabhain, Tobermory, Deanston, Ledaig e Black Bottle. I prodotti di Distell sono presenti in più di 80 paesi. I marchi si fonderanno con il portfolio della divisione spiriti di Terlato con sede a Lake Bluff, nata nel 2013 che attualmente rappresenta 2,5% del totale degli affari della società focalizzata sul vino. I brand rappresentati dall’azienda sono Adelphi Selections Scotch, Distillatori Nonino (Amaro e Grappa), Don Pancho Origenes Rum, Heartland Prohibition Gin, Langley’s No. 8 Gin, Marnier XO Cognac, Riazul Tequila, Tigre Blanc Vodka e Tiramisu Liqueur.
Bill Terlato ha detto che l’aggiunta degli spiriti di Distell permetterà di aumentare del 10% le entrate complessive dell’azienda. “È un business di buone dimensioni e abbiamo visto una grande opportunità per aiutare a crescere entrambi le aziende“, ha detto Terlato. “Consideriamo l’accordo come un’altra piattaforma per far crescere delle attività completamente diverse ma complementari. In cinque anni o giù di lì, le imprese potrebbero essere tre o quattro volte più grandi di adesso”.
Il business degli spiriti sarà separato da Terlato Wines. La nuova joint venture dovrebbe contribuire a colmare il buco nel portfolio Terlato che si sta preparando a perdere il suo marchio di punta, i vini di Santa Margherita, che, alla fine 2015, inizieranno con una nuova società, la Santa Margherita Usa. L’azienda italiana nota per il Pinot Grigio è stata il fulcro delle attività di Terlato Wines da quando aveva iniziato l’importazione del marchio, 36 anni fa. Nel 2014 sono state vendute negli Usa 650.000 casse dell’azienda italiana, più del triplo della quantità di 20 anni fa. Santa Margherita vende al dettaglio tra i $ 27 e $ 28 a bottiglia, ed è di gran lunga la bottiglia più venduta tra quelle oltre $ 25, di qualsiasi altro concorrente sul mercato statunitense. La Terlato Wines comprende oltre 70 marchi, a cui recentemente si sono aggiunti David Bruce, Cecchi, Lapostolle e Piper-Heidsieck.
Fonte: www.chicagobusiness.com

cecchi_news 2010

Altre News



TUTTI GLI ARTICOLI
Vinitaly @Expo Milano 2015 - #vino2015

WineMeteo

velature sparse Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 24°
Precip: -
sereno con veli Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 25°
Precip: -
sereno con veli Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 23°
Precip: -
sereno con veli Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 23°
Precip: -
sereno con veli Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 23°
Precip: -
sereno con veli Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 22°
Precip: -
sereno con veli Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 22°
Precip: -
sereno Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 22°
Precip: -
velature sparse Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 24°
Precip: -
sereno con veli Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 22°
Precip: -
velature sparse Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 23°
Precip: -
sereno con veli Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 21°
Precip: -
velature sparse Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 23°
Precip: -
sereno con veli Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 21°
Precip: -
velature sparse Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 21°
Precip: -
sereno con veli Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 22°
Precip: -
velature sparse Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 25°
Precip: -
sereno con veli Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 25°
Precip: -
velature sparse Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 21°
Precip: -
velature sparse Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 22°
Precip: -
sereno con veli Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 23°
Precip: -
quasi sereno Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 23°
Precip: -
sereno Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 22°
Precip: -
quasi sereno Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Soave:
Soave (VR)

Temp: 24°
Precip: -
sereno con veli Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 24°
Precip: -
sereno con veli Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 25°
Precip: -
velature sparse Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 24°
Precip: -
velature sparse Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 23°
Precip: -
velature sparse Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 23°
Precip: -
sereno Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 22°
Precip: -
velature sparse Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 22°
Precip: -
velature sparse Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 22°
Precip: -
sereno con veli Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 24°
Precip: -
Mezzacorona

Non solo vino
I capolavori dell'agroalimentare d'Italia