planeta
  

Categoria: FOCUS SULL'ALTRO MONDO

Roma - 01 Aprile 2015, ore 11:28

Cina, perché il flop del vino bianco... Polonia: incremento della viticoltura... Argentina: settore vinicolo perde colpi... Bordeaux: cattivo raccolto e calo del mercato cinese... Australia: segnali di crescita per export
di Andrea Gabbrielli

- Cina, perché il flop del vino bianco
In Cina se molte grandi aziende straniere hanno avuto successo e raccolto enormi profitti, altre ancora hanno fallito in modo epocale. Secondo le stime di Australia-China Business Week 2013, il 48% delle imprese straniere in Cina fallisce entro 2 anni dall’ingresso nel mercato e il motivo è solitamente la mancanza di una conoscenza di base di come funziona la Cina e di ciò che i consumatori cinesi veramente desiderano.
“Spesso c’è la comprensione dell’esistenza di una classe media emergente in Cina, ma questo non può essere il presupposto per dire che è come la classe media americana o francese o qualcosa del genere, perché qui è molto diverso “afferma James Roy, direttore associato del China Group Market Research. Blake Stone-Banks, direttore dello studio di consulenza e di marketing Trommsdorff + Drüner, sostiene che una società non può semplicemente portare gli stessi modelli e processi impiegati all’estero e aspettarsi che funzionino perfettamente in Cina.
“Solo se una società arriva con la mente aperta, con la disponibilità a lavorare con i partner locali ed a fare investimenti a lungo termine per coltivare una squadra locale giusta, un’azienda può avere successo in questo mercato”, dice. Un classico esempio di un settore snobbato dai consumatori cinesi per motivi culturali è il vino bianco. Nel 2013, i consumatori cinesi hanno bevuto 1.870 milioni di bottiglie di vino rosso, con un aumento del 136 % in 5 anni. A detta di tutti, il mercato del vino rosso in Cina è in pieno boom. Secondo la cultura cinese, il colore rosso è visto di buon auspicio e associato con la fortuna, la ricchezza e il potere. Il vino rosso è anche considerato come una bevanda alcolica più sana, che fa bene al cuore e alla pelle, un principio conforme anche alla tradizionale e popolare medicina cinese che attribuisce doti salutistiche ad alcuni alimenti e bevande. In questo modo, il vino rosso si è creato un posto nella Cina moderna; è diventato una bevanda che gli imprenditori condividono quando devono siglare un affare, ed è diventato ad un regalo standard da portare alle feste ed è una bevanda di classe da offrire ai banchetti. Naturalmente, i produttori di vino bianco hanno pensato che lo stesso sarebbe potuto accadere per il loro prodotto. Ma non è stato così. Vino bianco, anche se è disponibile, spesso è evitato dai consumatori cinesi e le porte del mercato sono state chiuse prima ancora che i fornitori ci mettessero piede. Le ragioni di questa avversione al vino bianco sono parte integrante della cultura cinese e del concetto tradizionale di salute. Infatti, una grande parte dei consumatori cinesi ha reazioni contrarie al bere liquidi freddi, considerati pernicioso per lo stomaco, e d’altra parte il vino bianco è pensato per essere servito freddo. Inoltre, il colore bianco non è vissuto come se avesse le stesse caratteristiche salutistiche del rosso, anche perché nella tradizione popolare cinese il bianco è il colore della morte. Tutti questi aspetti hanno fatto sì che vendere vino bianco in Cina sia molto complicato e dove l’85 % di tutto il vino acquistato, è da uve rosse.
Il grande appeal del vino rosso nel mercato cinese è stato anche un effetto diretto delle campagne di marketing. Ioana Benga, export manager della Jidvei Winery, dice che il vino rosso è stato promosso come un prodotto sano, ricco di antiossidanti e di tenore alcolico inferiore rispetto agli spiriti cinesi, mentre vini francesi famosi come Chateau Lafitte e Mouton-Rothschild sono stati visti come status symbol. In generale il vino rosso è vissuto come una bevanda elegante adatta sia agli uomini che alle donne. “Si potrebbe pensare che tutto questo potrebbe valere anche per bianchi, ma per i cinesi era fondamentalmente diverso: sappiamo che il rosso fa questo, ma cosa succede se il bianco non lo fa? “(Il brano è tratto da un lungo articolo sui flop di alcune merci sul mercato cinese, pubblicato dal South China Morning Post).
Fonte: http://www.scmp.com

- Polonia, l’incremento della viticoltura
In un incontro tra il diplomatico polacco Andrzej Byrt e Jean-Marie Aurand, Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (Oiv), è stato fatto il punto sulla rinascita della vitivinicoltura in Polonia favorita dalla favorevole congiuntura economica del paese degli ultimi anni. Gran parte del boom vitivinicolo polacco è basato sugli ibridi come Solaris, Hibernal e Maréchal Foch, particolarmente resistenti al freddo, impiantati soprattutto nella regione viticola di Zielona Gora e ad est verso Kazimierz Dolny.
Secondo i dati OIV, negli ultimi anni, i consumi di vino sono aumentati in Polonia passando da 1,4 litri pro-capite a 2,4 litri. La Polonia, inoltre sta studiando la possibilità di entrare nell’Oiv. Un articolo della versione in inglese del “Krakow Post” ha notato che le modifiche alle leggi polacche sul vino e l’interesse accademico nei confronti dei temi che riguardano la vinificazione, sono stati i punti di svolta per la crescente wine community del paese, anche se i viticoltori hanno dovuto fare i conti con i difficili regolamenti governativi che governano il settore.
“Negli ultimi dieci anni i vigneti si sono diffusi in tutto il Paese. Ci sono centinaia di piantagioni amatoriali e dieci produttori ufficiali che vendono il loro vino” ha dichiarato Roman Mysliwiec, presidente del “Polish Vine & Wine Institute”, in un’intervista. Nel 2011, ha riferito Krakow Post, alcuni produttori sono stati autorizzati a vendere i propri vini, perché il governo dal 2008 non rilasciava i permessi. Da quel momento (2011) le restrizioni si sono attenuate e anche gli stranieri hanno iniziato ad interessarsi alle possibilità offerte dai vigneti del paese. Mike Whitney, un americano che vive in California e a Washington, è il proprietario di Adoria Vineyards. La sua cantina ha impianti di Pinot Nero, Chardonnay e Riesling.
“Il successo dello Chardonnay è una combinazione tra il microclima, i suoli profonde e ben drenati su cui sono stati piantati e molto probabilmente il bel panorama soleggiato del vicino Sobotka e dei più lontani Monti Sudeti e Karkonos”, racconta il sito web di Adoria. Il sito polacco del vino Plochockich ha scritto che se la banda dei winemakers polacchi è piccola, è pure vivace. “Fare vino in Polonia è un cosa difficile, ma i coltivatori intraprendenti stanno trovando il modo di produrre annate di qualità”, ha detto il sito. Secondo l’Oiv, nel 2011, la Polonia ha esportato 35.000 ettolitri di vino e importato quasi 1 milione di ettolitri.
Fonte: www.snooth.com

- Argentina, il settore vinicolo perde colpi
Minori consumi, calo delle esportazioni, aumento dei costi di produzione ed eccesso di offerta hanno portato il settore vitivinicolo argentino ad un periodo molto duro nell’ultimo anno, privando i produttori delle ragioni per festeggiare. Mentre il Governo sostiene che la svalutazione non è la risposta giusta e ha presentato una serie di misure per aiutare i produttori, il settore suona l’allarme a causa di una crisi molto rapida e la perdita di competitività.
Nel 2014 le vendite di vino sono scese del 7,3 %, secondo l’Istituto del Vino Argentino (Inv). Le esportazioni sono diminuite del 17% e le vendite sul mercato interno sono calate del 4,15%. È anche la conseguenza di un minor consumo di vino, una tendenza osservata a livello mondiale e a cui l’Argentina non è immune. Nel 1974 solitamente gli argentini consumavano 77,2 litri di vino per persona all’anno, ma ora la media è stato fissata nel 2014 a 23,6 litri, un 69 % in meno negli ultimi quattro decenni.
Secondo il settore, alcune delle ragioni di questo calo stanno nella maggiore concorrenza di altri mercati e nei nuovi prodotti “abbiamo bisogno di essere più competitivi, ma con l’inflazione elevata e un basso tasso di cambio diventa un obiettivo difficile da raggiungere. Allo stesso tempo, la svalutazione di diverse valute come il reale e l’euro ci rende meno competitivi”, dice José Alberto Zuccardi, Ceo della cantina Familia Zuccardi e capo dell’associazione dei produttori Uva. Che aggiunge: “abbiamo bisogno di più strumenti dallo Stato che ci permettono di mantenere i nostri livelli di vendita”.
“A seguito di un raccolto record dello scorso anno, l’Inv si aspetta quest’anno 200.000 quintali di più (9.200 tonnellate) rispetto al 2013. Ciò significa una produzione stimata di 26,5 milioni di quintali (1,2 milioni di tonnellate) di uva. La maggiore produzione, in mezzo a una domanda interna ed estera più bassa, riduce il prezzo dell’uva e crea eccesso di produzione, stimata ora in 200.000 litri di vino bianco. “I produttori di vino stanno attraversando una crisi. Gli argentini hanno un potere d’acquisto minore così le vendite sono diminuite e il basso tasso di cambio ci ha reso meno competitivi sui mercati esteri”, spiega Susana Balbo, capo di Wines of Argentina, un’agenzia che promuove il vino argentino all’estero e Ceo della cantina Dominio del Plata, ha detto al quotidiano “Herald”. “Abbiamo provato con vini meno costosi per essere competitivi all’estero, ma non è andata”. Questa grande produzione di vino potrebbe far pensare ad un gran numero di cantine coinvolte nella produzione di vino. Tuttavia, i dati mostrano una scenario diverso. Solo 414 cantine si sono registrate all’Inv per partecipare al raccolto di quest’anno, il 55 % in meno rispetto alle 918 registrate nel 2014 e il 56 % in meno rispetto alla 950 del 2013. Nello stesso lasso di tempo, 52 cantine sono state chiuse tra giugno e febbraio a causa di infrazioni per la mancanza di manutenzione. “Siamo di fronte ad una crisi di produzione, e le cantine non stanno effettuando gli investimenti necessari, provocando una perdita di qualità. Le uve hanno lo stesso prezzo degli ultimi tre anni e i produttori non possono coprire i costi, che sono alti e in dollari”, commenta Guillermo Barbier, responsabile di 1924 De Angeles Winery, al giornale Herald.
“Le esportazioni dovrebbero continuare a crescere in quanto i mercati richiedono vino argentino, ma abbiamo smesso di essere competitivi”. Più di 500 milioni di pesos saranno destinati quest’anno dal Governo federale per aiutare i produttori di vino, seguita da un extra di 200 milioni di pesos distribuiti a San Juan e Mendoza, le due principali province del paese produttrici di vino. Gli esportatori avranno un sussidio di 1 peso per chilogrammo di uva raccolta, venduto tra 1,60 pesos e 1,85 pesos, mentre i produttori che vendono la loro uva per i mosti saranno ricompensati anche con 0,75 pesos per ogni chilogrammo di uva. Fino al 35 % della produzione di quest’anno sarà destinata ai mosti, in base ad un accordo firmato tra San Juan e Mendoza, cercando di evitare la superproduzione di vino. Allo stesso tempo, Mendoza ha presentato 13 misure che prevedono di aiutare i produttori, compresi i prestiti a tassi agevolati, più missioni commerciali all’estero e la limitazione alla creazione di aziende vinicole.
La crisi è parte di una tendenza mondiale ad un minor consumo di vino e l’innovazione del settore è quanto mai necessaria, hanno detto gli osservatori “l’Argentina è ora di fronte alla sfida di produrre nuove varietà di uva. Le persone sono stanche di Malbec e abbiamo bisogno di provare cose nuove. Le Cantine devono lavorare molto sull’innovazione, anche se probabilmente non vedremo mai più un boom come quello che abbiamo vissuto con Malbec” ha concluso Sebastián Salas, direttore delle esportazioni della cantina Durigutti.

- Bordeaux, il cattivo raccolto e il calo del mercato cinese
Il Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux (Civb) ha registrato un netto calo delle vendite nel 2014 insieme ad un cattivo raccolto nel 2013 e al rapidamente rallentamento della domanda in Cina, il suo principale mercato di esportazione. Nel 2014 complessivamente sono state vendute 685 milioni di bottiglie di Bordeaux con un 8% in meno sull’anno precedente. Il valore totale del vino è 3.74 miliardi di euro ($ 4 miliardi), con un calo del 13% rispetto al 2013, ha affermato il Civb.
“Il calo è stato previsto a causa il cattivo raccolto nel 2013”, ha dichiarato Bernard Farges capo del Conseil. “Non possiamo vendere il vino che non abbiamo prodotto.” Le esportazioni, in particolare verso la Cina e Hong Kong, subiscono cali del 9% in termini di volume e del 17% in termini di valore. Il giro di vite sulla corruzione della nuova leadership cinese ha colpito le vendite di beni di lusso occidentali - tra cui i fine wines - spesso utilizzati come regali sontuosi per ingraziarsi i funzionari. In Cina il volume del vino di Bordeaux è stato ridotto di un quinto lo scorso anno, a causa di diversi motivi, secondo Farges.
“Il mercato cinese che ha avuto una crescita incredibile dal 2005 ha dovuto rallentare” ha osservato e ha riconosciuto che la “politica anti-corruzione del governo cinese” ha colpito “i vini più costosi”, ma anche messo in evidenza una maggiore concorrenza dei vini del Nuovo Mondo, tra cui australiani e cileni. Tuttavia, vi è stata anche una naturale decelerazione del mercato, ha sottolineato. Nel 2010 molte persone avevano costituito delle società per importare vino francese, ma hanno trovato un mercato in rallentamento. “Di conseguenza per far calare le scorte ci vuole più tempo”, ha detto.
Oltre 300 importatori cinesi di vino francese hanno recentemente cessato l’attività, ha detto il rappresentante della Civb in Cina, Thomas Jullien. La crescita del mercato del vino cinese è stata esponenziale - da 2.000 ettolitri nel 2000 a 538.000 ettolitri nel 2012, quando ha raggiunto il suo livello più alto. Le case vinicole di Bordeaux ha fatto un po’ meglio che in casa - che rappresenta il 58% delle vendite complessive - con le vendite in Francia in calo del 6% in volume e il 2% in meno in termini di valore. Guardando in avanti, il CIVB prevede che il 2015 sarà “difficile” e sarà “ancora influenzato dalla debolezza del raccolto 2013”.
Tuttavia, l’associazione ha detto che ci sono stati alcuni segnali incoraggianti. Tra queste “una vendemmia 2014 di grande qualità, bassi livelli delle scorte, prezzi stabili nel nostro mercato di riferimento, mentre altre regioni vinicole francesi, hanno i prezzi in aumento e un tasso di cambio euro/dollaro molto favorevole”.
Il basso livello dell’euro rispetto al dollaro e alle altre valute negli ultimi mesi sta rendendo le esportazioni molto più competitive. I vini di Bordeaux rappresentano quasi la metà del vino francese venduta all’estero - 39% in termini di volume e del 49% in termini di valore.
Fonte: www.theguardian.com

- Australia, segnali di crescita per l’export
Le esportazioni di vino australiano sono cresciute dell’1,9% sia in volume che in valore secondo i dati diffusi dall’Australian Grape and Wine Authority (Agwa). The Wine Export Approval Report December 2014 dice che il volume totale delle esportazioni di vino australiano è aumentato a 700 milioni di litri e il valore totale è aumentato dello stesso tasso (1,9%) a 1,82 miliardi dollari australiani. È la prima volta che le esportazioni sono aumentate in valore dal 2007, anno della recessione globale. Il valore medio delle esportazioni è rimasto stabile a A $ 2.60 per litro.
Nel corso degli ultimi 12 mesi, il vino australiano è stato esportato in 121 paesi da 1.329 esportatori e rispetto al 2013, la maggior parte (893 esportatori) ha registrato una crescita dei volumi. L’incremento in volume è stato aiutato in qualche misura dal deprezzamento del dollaro australiano, ma la vendemmia spagnola del 2013 ha messo sotto pressione i prezzi del vino sfuso che hanno continuato a diminuire del 2% a A $ 0.99 per litro. Il volume delle esportazioni di vino sfuso tuttavia è aumentato dell’8 % a 402 milioni di litri. Al contrario, il valore medio delle esportazioni di vino imbottigliato è cresciuto del 7 % a A $ 4,85 al litro, il più alto in un decennio e che ha guidato la domanda di vini di qualità australiani (sopra A $ 7.50 al litro), in Nord America, Europa, e gran parte dell’Asia e c’è un calo delle esportazioni delle bottiglie di prezzo inferiore a A $ 5 per litro causato da una maggiore quantità di vino spedito in contenitori di grandi dimensioni per essere poi imbottigliato nel mercato. L’amministratore delegato Agwa, Andreas Clark ha detto che i segmenti di prezzo dei vini premium hanno visto la crescita più forte durante tutto l’anno.
“E’ incoraggiante vedere il valore delle esportazioni di vino australiano in crescita positiva per la prima volta dal 2007 e la maggiore domanda per i nostri vini di qualità è stato un fattore importante che ha contribuito a questa crescita. “Abbiamo visto aumenti delle esportazioni di vino in tutti i segmenti di prezzo premium: il segmento di prezzo A $ 7.50- $ 9,99 è aumentato del 5% a 15 milioni di litri e del 15 % nel segmento A $ 10,00 e in quelli superiori a 17 milioni di litri”.
“L’ultra-premium sopra i 50 dollari è cresciuto del 55 %, raggiungendo il record di A $ 107.000.000. Questo segmento rappresenta solo lo 0,8% del volume totale, ma contribuisce all’8% del valore totale delle esportazioni in bottiglia”.
Fonte: www.theshout.com.au 

cecchi_news 2010

Altre News



TUTTI GLI ARTICOLI
Vinitaly @Expo Milano 2015 - #vino2015

WineMeteo

pioviggine Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 12°
Precip: 0-1mm
quasi sereno Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 18°
Precip: -
variabile Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 18°
Precip: -
sereno Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 19°
Precip: -
poche nubi Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 18°
Precip: -
sereno Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 18°
Precip: -
sereno Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 22°
Precip: -
poche nubi Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 14°
Precip: -
poche nubi Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 19°
Precip: -
sereno Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 19°
Precip: -
parz nuvoloso Cirò:
Ciro' (KR)

Temp: 21°
Precip: -
quasi sereno Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 17°
Precip: -
poche nubi Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 16°
Precip: -
parz nuvoloso Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 15°
Precip: -
sereno Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 20°
Precip: -
sereno Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 18°
Precip: -
variabile Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 14°
Precip: -
possibile temporale Lacrima di Morro d’Alba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 17°
Precip: 0-5mm
sereno Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 16°
Precip: -
poche nubi Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 16°
Precip: -
sereno Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 19°
Precip: -
parz nuvoloso Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 13°
Precip: -
poche nubi Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 18°
Precip: -
pioviggine Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 17°
Precip: 0-1mm
variabile Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 17°
Precip: -
acquazzoni e schiarite Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 17°
Precip: 2-5mm
poche nubi Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 16°
Precip: -
variabile Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 15°
Precip: -
quasi sereno Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 18°
Precip: -
quasi sereno Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 19°
Precip: -
parz nuvoloso Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 22°
Precip: -
sereno e ventoso Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 16°
Precip: -
parz nuvoloso Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Soave:
Soave (VR)

Temp: 19°
Precip: -
sereno Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 22°
Precip: -
variabile Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 13°
Precip: -
poche nubi Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 19°
Precip: -
quasi sereno Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 20°
Precip: -
quasi sereno Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 19°
Precip: -
sereno Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 17°
Precip: -
quasi sereno Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 19°
Precip: -
possibile temporale Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 17°
Precip: 0-5mm
poche nubi Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 19°
Precip: -
Mezzacorona

Non solo vino
I capolavori dell'agroalimentare d'Italia