planeta

Dicono di noi

Winenews visto dagli altri... Quotidiani, magazine, tv e radio che parlano di noi

20 Luglio 2017, ore 10:42

ADN KRONOS

Vino: WineNews, Brunello di Montalcino al top delle quotazioni ... Secondo il borsino Ismea ... Lestate ancora nel vivo, ma con le temperature di giugno e luglio che hanno dato unaccelerata importante alla maturazione delle uve, la vendemmia tra i filari del Belpaese molto pi vicina del solito, e allora diventa fondamentale, per le aziende, fare spazio in cantina. Cominciando dallo sfuso, a patto che ne sia rimasto sul mercato, con il valore calcolato, per le principali denominazioni da Ismea - Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (dati a giugno 2017, prezzi alla produzione dellultima annata in commercio, franco magazzino produttore, e Iva esclusa, calcolati su medie statistiche, che possono differire in parte, in pi o in meno, dalle reali quotazioni riscontrate dagli operatori sul mercato, ndr). Un vero e proprio borsino, analizzato (ed integrato) da WineNews, da cui emerge un quadro decisamente variegato, ma tuttaltro che omogeneo. Partendo dai vini rossi, nelle Langhe il Barolo spunta lo stesso prezzo di un anno fa, 820 euro al quintale (anche se, di fatto, non c pi prodotto e non ci sono scambi, ndr), mentre il Barbaresco guadagna il 7,3% ed arriva a 515 euro al quintale, con il Nebbiolo dAlba che resta sui 285 euro al quintale, ed il Dolcetto, sia di Alba che di Diano, stabile a 150 euro al quintale. Sempre in Piemonte, a fare il punto sul mondo Barbera, il Consorzio della Barbera dAsti e Vini del Monferrato: si parte con il Piemonte Barbera, che oscilla tra i 70 ed i 110 euro a quintali, mentre la Barbera dAsti va tra i 100 ed i 150, la Barbera dAsti Superiore tra i 150 ed i 250 euro al quintale, mentre il Nizza intorno ai 250. Ed interessante anche la performance del Ruch, tra i 260 ed i 320 euro al quintale. Detto dei pi quotati, ci sono poi quei rossi che, facendo i conti in tasca al commercio enoico italiano, fanno i grandi volumi. Come il Chianti, che costa 97,50 euro al quintale; perde qualcosa anche il Lambrusco di Sorbara, a quota 75 euro al quintale (-7,4%), cos come il Montepulciano dAbruzzo, a 73,75 euro al quintale (-4,1%). Infine, un vino in crescita, non tanto nel prezzo quanto nellinteresse dei wine lovers, il Rosso Conero, a 112,5 euro al quintale. Spostando lattenzione sui bianchi (dalle rilevazione mancano quelli dellAlto Adige, da sempre ai vertici assoluti per quotazione, ndr), salta immediatamente allocchio la quotazione del Gavi, che, con una crescita del 10% sul 2016, tocca i 275 euro al quintale, una dinamica di prezzo ricalcata specularmente dal Cortese di Gavi. Entrambi, cos, scavalcano il Prosecco di Conegliano Valdobbiadene, che spunta una quotazione di 270 euro al quintale, esattamente come un anno fa, mentre, al contrario, il Prosecco Doc perde il 16,7%, fermandosi a 187,50 euro al quintale. Stabile, a valori sempre importanti, il Pinot Nero del Trentino, la base delle migliori bollicine di Trentodoc, quotato 235 euro al quintale. Anche il Roero Arneis conferma le quotazioni 2016, a 170 euro al quintale, mentre in Veneto sono in calo sia il Soave (68,5 euro a quintale) che il Soave Classico (92,5 euro a quintale).


19 Luglio 2017, ore 10:38

LA REPUBBLICA

Shopping in Cile ad Antinori il 100% delle cantine Haras Loperazione lanteprima di una nuova stagione di acquisizioni allestero da parte dei brend toscani... Prede, soprattutto. Ma anche cacciatori, grazie alle punte pi avanzate del settore. Se il capitale straniero fa incetta in Toscana di aziende vitivinicole, sfiancate da investimenti in cantine e nuovi impianti di vitigni (c mezzo Chianti in vendita, si racconta), le corazzate regionali ricominciano a fare shopping allestero. Di ieri la notizia che Antinori ha messo le mani sulla cantina Haras in Cile, un Paese vocato che produce vini concorrenziali per leccellente rapporto tra qualit e prezzo. Per Antinori linternazionalizzazione non una novit: oltre che in Cile possiede 600 ettari di vigneti in varie altri parti del mondo, dagli Stati Uniti allUngheria, dalla Romania a Malta. Ma loperazione della maison fiorentina del vino la spia, o se si vuole lanteprima, di una nuova stagione di acquisizioni da parte dei brand toscani allestero. La diversificazione dei prodotti e larricchimento delle etichette, anche in chiave internazionale, un must per aggredire meglio la distribuzione e offrire un ventaglio vasto di prodotti eccellenti di varia gamma, spiegano gli esperti. Oggi guidata dalla presidente Albiera Antinori che ieri ha anche annunciato un investimento rilevante per ristrutturare la storica Cantina Prunotto a Monforte dAlba in Piemonte, Marchesi Antinori - riferisce WineNews - ha dunque acquisito la totale propriet della cantina Haras de Pirque, gioiello dellenologia cilena: 100 ettari di vigneti nella valle del Maipo, uno dei territori pi vocati del Paese, e la cantina celebre per la sua forma a Ferro di Cavallo. Da quasi 15 anni la famiglia Antinori aveva una partnership con il proprietario della Casa vinicola, Eduardo A. Matte, imprenditore di successo attivo soprattutto nel campo dei cavalli da corsa (il nome Haras de Pirque omaggia uno dei pi antichi allevamenti di purosangue del Paese). Ma ora Antinori ha deciso e ottenuto la propriet dellazienda cilena, che in passato, in virt della collaborazione Antinori - Matte, aveva portato alla nascita del vino Albis, unione tra uno dei vitigni internazionali pi di diffusi, il Cabernet Sauvignon, e una delle uve caratteristiche del Cile, il Carmenre. Risale agli anni Ottanta, da parte di Marchesi Antinori, linaugurazione di un percorso di espansione oltreconfine, che passa da Antica in California a Col Solare nella Columbia Valley, dalla Tenuta Tuzko Btaapti in Ungheria alla Meridiana Wine Estate a Malta e alla Vitis Metamorfosis in Romania, fino a Stags Leap Wine Cellars in Napa Valley. Lodovico Antinori si spinto invece fino in Nuova Zelanda, una delle pi belle zone del mondo per coltivare il Sauvignon Blanc. Ma seguendo la sua passione per Tokaji, produce anche il Baron de Bornemisza Tokaji Aszu, un progetto in un unico vigneto chiamato Nyulszo-Kirly nel Tokaji-Hegyalja, zona Md dellUngheria. Ora altri riprenderanno la pista delle acquisizioni di cui fu pioniere fu Philip Mazzei, che dal Chianti Classico sbarc in Virginia e piant le prime viti europee in Usa - ricorda WineNews - Dopo di lui, da Zonin1821, tra i pi grandi gruppi vitivinicoli molto presente in Toscana, che conquist proprio in Virginia Barboursville Vineyards dando impulso ad una nuova zona di produzione, alla Bodega Noemia de Patagonia: lazienda oltreoceano di Noemi Marone Cinzano, gi proprietaria della Tenuta di Argiano tra i vigneti di Brunello a Montalcino, da dove il fratello, il conte Francesco Marone Cinzano, accanto alla Tenuta Col dOrcia, ha esteso la sua produzione fino in Cile con Via La Reserva de Caliboro. Ma la Toscana del vino esporta anche professionalit, enologi, tecnici, ricercatori. Un caso per tutti: quello del consulente enoico di stanza in Toscana Mario Calzolari, ora impegnato a produrre un vino da uve toscane in Svezia. Maurizio Bologni


18 Luglio 2017, ore 17:28

ANSA

Vino: Winenews, Antinori acquista azienda cilena... In Toscana la totale propriet della cantina Haras de Pirque ... Antinori investe in Cile, dove la storica azienda Toscana, oggi guidata dalla presidente Albiera Antinori, ha acquisito la totale propriet della cantina Haras de Pirque, 100 ettari di vigneti nella valle del Maipo, uno dei territori pi vocati del Paese. Ne d notizia il sito internet WineNews. La cantina cilena, celebre per la sua forma a Ferro di Cavallo, dal 2003 ha visto gi la famiglia Antinori lavorare in partnership con quella di Eduardo A. Matte, imprenditore di successo attivo soprattutto nel campo dei cavalli da corsa (il nome Haras de Pirque omaggia infatti uno dei pi antichi allevamenti di purosangue del Paese. Con lacquisizione totale della propriet di Haras de Pirque, Antinori porta ad oltre duemila gli ettari complessivi di propriet, tra, di cui oltre 1500 tra Toscana e Umbria, pi di 50 in Piemonte, 350 in Puglia, 60 in Franciacorta, e altri 600 in tutto il mondo tra Cile, Usa, Ungheria, Romania e Malta.


18 Luglio 2017, ore 16:33

LA NAZIONE

Antinori acquisisce cantina e vigneti in Cile ... Lazienda toscana porta ad oltre duemila gli ettari complessivi di propriet... Antinori investe in Cile, dove la storica azienda Toscana, oggi guidata dalla presidente Albiera Antinori, ha acquisito la totale propriet della cantina Haras de Pirque, 100 ettari di vigneti nella valle del Maipo, uno dei territori pi vocati del Paese. Ne d notizia il sito internet WineNews.it. La cantina cilena, celebre per la sua forma a ferro di cavallo, dal 2003 ha visto gi la famiglia Antinori lavorare in partnership con quella di Eduardo A. Matte, imprenditore di successo attivo soprattutto nel campo dei cavalli da corsa (il nome Haras de Pirque omaggia infatti uno dei pi antichi allevamenti di purosangue del Paese. Con lacquisizione totale della propriet di Haras de Pirque, Antinori porta ad oltre duemila gli ettari complessivi di propriet, tra, di cui oltre 1500 tra Toscana e Umbria, pi di 50 in Piemonte, 350 in Puglia, 60 in Franciacorta, e altri 600 in tutto il mondo tra Cile, Usa, Ungheria, Romania e Malta.
Link: https://goo.gl/r7B2ct


18 Luglio 2017, ore 12:52

ANSA

Vino: Winenews, Antinori acquista azienda cilena ... In Toscana la totale propriet della cantina Haras de Pirque... Antinori investe in Cile, dove la storica azienda Toscana, oggi guidata dalla presidente Albiera Antinori, ha acquisito la totale propriet della cantina Haras de Pirque, 100 ettari di vigneti nella valle del Maipo, uno dei territori pi vocati del Paese. Ne d notizia il sito internet WineNews.it. La cantina cilena, celebre per la sua forma a Ferro di Cavallo, dal 2003 ha visto gi la famiglia Antinori lavorare in partnership con quella di Eduardo A. Matte, imprenditore di successo attivo soprattutto nel campo dei cavalli da corsa (il nome Haras de Pirque omaggia infatti uno dei pi antichi allevamenti di purosangue del Paese. Con lacquisizione totale della propriet di Haras de Pirque, Antinori porta ad oltre duemila gli ettari complessivi di propriet, tra, di cui oltre 1500 tra Toscana e Umbria, pi di 50 in Piemonte, 350 in Puglia, 60 in Franciacorta, e altri 600 in tutto il mondo tra Cile, Usa, Ungheria, Romania e Malta.


13 Luglio 2017, ore 10:40

BLOG IL SECOLO XIX

A Barolo Collisioni Festival Agrirock ... Si comincia venerd 14 luglio con il concerto del trio Silvestri Consoli Gazz. Poi, fino al 27 luglio, il borgo di Barolo nelle Langhe, terra delezione di uno dei pi prestigiosi rossi italiani, ospiter unaffollatissima parata di grandi nomi della musica, star dellintrattenimento televisivo, letterati e giornalisti, in una festival, Collisioni, che abbina musica & spettacolo al buon cibo e a grandi vini. Per questa edizione il direttore del festival, Filippo Taricco, e il responsabile del progetto Vino, Ian dAgata, hanno elaborato un calendario denso di eventi e appuntamenti. Per la parte enogastronomica sono previste visite alle cantine e degustazioni di vini: piemontesi prima di tutto, ma provenienti anche dalle pi vocate aree enologiche italiane. Saranno presenti, fra gli altri, la Franciacorta, le Marche, il Vulture, il Friuli Venezia Giulia, il Prosecco, la Sicilia, lEmilia Romagna, la Toscana con il Brunello di Montalcino, il Veneto con lAmarone della Valpolicella delle Famiglie dellAmarone dArte, e poi lUmbria e Montefalco con il Sagrantino, la Sardegna, il Lazio e lAbruzzo. E la Liguria, che a Barolo, porter anche una tappa del campionato mondiale di Pesto. Gli appuntamenti enogastronomici si divideranno fra il Palco Wine & Food, lEnoteca delCastello di Barolo e il cortile dellAgrilab. Firme della critica internazionale, come Antonio Galloni (ex Robert Parker, ora Vinous), Steven Spurrier, Monty Waldin, Bernard Burtschy, Michaela Morris, Lingzi He guideranno le degustazioni e racconteranno i territori. Di richiamo il cartellone degli spettacoli. Dopo il concerto del trio Silvestri, Consoli e Gazz (14 e 15 luglio), sar la volta dei Placebo (16 luglio), di Robbie Williams (17 luglio), di Renato Zero (18 luglio) e dei The Offspring (27 luglio). A Collisioni sono attesi inoltre personaggi della cultura, dellarte e dello spettacolo. Il 15 luglio saliranno sul palco - riferisce il portale WineNews, media partner dellevento - lo chef Antonino Cannavacciuolo, il giornalista Aldo Cazzullo, lo scrittore austriaco Peter Hande, il Premio Nobel per la letteratura Gao Xingjang, il regista Paolo Virz, il divulgatore Alberto Angela, il presidente del Senato Pietro Grasso, e con artisti come Levante, Max Giusti, Nino Frassica, Elisa, Elodie, Red Canzian, Federico Zampaglione, Michele Bravi. Il 16 luglio, tra gli altri, saranno di scena gli scrittori Mauro Corona, Roberto Saviano, Jonathan Coe, Jeffrey Eugenides e Joyce Carol Oates, lenigmista Stefano Bartezzaghi, Vittorio Sgarbi, Joe Bastianich, il giornalista Marco Travaglio, Luciana Littizzetto e musicisti e cantanti come Paola Turci, Giorgia, Raphael Gualazzi, Alessandro Mannarino, Fabrizio Moro, Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, lattore americano Matt Dillon e il duo comico Ale&Franz.


13 Luglio 2017, ore 10:38

CORRIERE DELLA SERA

II Brunello in salsa belga ... Altri capitali stranieri comprano un pezzo di Montalcino, nel senese. Stavolta - come ha anticipato WineNews - a passare di mano Poggio Antico di Paola Gloder e Alberto Montefiori, comprato dai belgi di Atlas Invest, societ attiva soprattutto nel settore dellenergia e del real estate, fondata nel 2007 da Marcel van Poecke. Con 200 ettari di terreno complessivo tra boschi, uliveti e seminativi e soprattutto 32,5 ettari di vigneti (di cui 28 ettari a Brunello, 2 ettari a Rosso di Montalcino e 2,5 ettari a Cabernet Sauvignon) e un ristorante, Poggio Antico una delle realt pi prestigiose del Brunello. Quella di ieri soltanto lultima di una lunga serie di acquisizioni recenti a Montalcino, considerato un investimento sempre pi interessante. Di fine 2016 il passaggio della Tenuta Greppo della famiglia Biondi Santi, dove nato il Brunello, al gruppo del lusso francese Epi Group. Limprenditore argentino Alejandro Bulgheroni ha investito per tre volte in meno di quattro anni: lultima nel 2016 con lacquisto di Tenuta Vitanza da Rosalba Vitanza e Guido Andreatta.


12 Luglio 2017, ore 12:48

ADN KRONOS

Vino: OKeefe, interesse di capitali stranieri per Brunello positivo ... Ma serve attenzione, tra cambio generazionale e offerte irrinunciabili... Linteresse continuo di capitali stranieri nelle pi prestigiose realt del vino italiano in generale positivo, ma deve far riflettere su alcuni aspetti: da un lato, cosa ne sar del futuro delle aziende stesse dal momento che spesso i nuovi proprietari non solo legati allagricoltura, dallaltro, il fatto che, se a volte, visti i tempi, certe offerte sono davvero irrinunciabili, c anche una questione di fondo legata ad un complesso ricambio generazionale alla guida delle aziende che, talvolta, pu accelerare il processo di cessione di una cantina, per quanto in salute e prestigiosa. Queste, in sintesi, le considerazioni, a WineNews, di Kerin OKeefe, autrice del libro Brunello di Montalcino, (University of California Press, 2012) e Italian Editor della rivista Wine Enthusiast, a commento della cessione di Poggio Antico, una delle realt pi prestigiose del Brunello di Montalcino (200 ettari di terreno complessivo tra boschi, uliveti, seminativi e ovviamente vigneti, 32,5 ettari complessivi, di cui 28 ettari a Brunello, 2 ettari a Rosso di Montalcino e 2,5 ettari a Cabernet Sauvignon), ai belgi di Atlas Invest. Lacquirente una societ attiva soprattutto nel settore dellenergia e del real estate, e fondata nel 2007 da Marcel van Poecke, che solo lultima di una lunga serie di acquisizioni di importanti realt italiane del vino da parte di investitori stranieri, spesso di altri settori. Il trend di vendere aziende storiche e importanti a proprietari stranieri in generale positivo - spiega la OKeefe - ma pu avere anche degli elementi negativi. Positivo perch una conferma assoluta del grandissimo interesse e rispetto per i vini italiani nel mondo. Ma a mio parere, questo stesso trend ha un lato negativo dato che le persone (o in qualche caso, grandi aziende) che stanno acquisendo queste aziende agricole - che sono quasi sempre a gestione familiare - non hanno un legame storico con lItalia. Quindi resta da vedere come le gestiranno, soprattutto quando gli attuali proprietari, che in genere restano per qualche anno per avere una transizione graduale, lasciano definitivamente le aziende. Tantissimi i casi, a Montalcino e non solo, di aziende finite sotto propriet straniera. A partire da Castello Banfi, la cantina che con la famiglia Mariani ha aperto il territorio di Montalcino al mondo ed i suoi mercati al Brunello. Ma negli ultimi anni molte sono state le compravendite eccellenti, anche Italia su Italia. A fine 2016 ha fatto il giro del mondo lannuncio dellingresso nella Tenuta Greppo della famiglia Biondi Santi, dove nato il Brunello e oggi guidata da Jacopo Biondi Santi, del gruppo del lusso francese Epi Group di Christopher Descours (proprietaria di marchi di alta gamma come gli Champagne Piper-Heidsieck, Charles Heidsieck e Chateau La Verriere a Bordeaux). Limprenditore argentino Alejandro Bulgheroni, tra gli uomini pi facoltosi al mondo, gi proprietario di Dievole in Chianti Classico, a Montalcino ha investito per tre volte in meno di quattro anni: nel 2016 con lacquisto di Tenuta Vitanza da Rosalba Vitanza e Guido Andreatta (53 ettari, 26 a vigneto, 15 a Brunello, per una cifra sui 12-15 milioni di euro); nel 2013 con Podere Brizio (9 ettari vitati, 7 a Brunello, per un affare da indiscrezioni di oltre 10 milioni di euro); e, la prima volta, nel 2012, con Poggio Landi (134 ettari, 25 a vigneto, per una cifra stimabile sui 15 milioni di euro). Ad inizio 2016, i tedeschi Eichbauer, famiglia top delledilizia in Germania e fondatrice del ristorante bistellato Michelin Tantris a Monaco di Baviera, hanno comprato Podere Salicutti (11 ettari, 3,7 di vigneto, di cui 2,1 a Brunello, per una cifra stimabile tra 3-4 milioni di euro) dal fondatore Francesco Leanza, rimasto nel management dellazienda. Insomma, un fenomeno di grande impatto e portata, con dinamica che, in ogni caso, nel complesso da leggere in positivo, secondo Kerin OKeefe, Italian Editor della importante rivista americana Wine Enthusiast: assolutamente un segno di salute del vino italiano. Ma forse vuol dire anche che in diversi casi le nuove generazioni non hanno la voglia di mandare avanti le aziende di famiglia. Un fenomeno che, peraltro, non sembra destinato a rallentare: io credo che continuer, soprattutto nelle zone di produzione dei grandi vini che attirano questo tipo di investimenti: le valutazioni sono evidentemente cos alte che diventa molto difficile resistere a certe offerte da parte di alcuni produttori.


12 Luglio 2017, ore 12:48

ADN KRONOS

Vino: Montalcino,belga Atlas Investment compra Poggio Antico... Lo rende noto il sito internet WineNews ... La compagnia belga Atlas Investment, attiva soprattutto nel settore dellenergia e del real estate, ha acquisito Poggio Antico a Montalcino che conta 32,5 ettari vitati di cui 28 a Brunello. Ne d notizia il sito internet WineNews. Poggio Antico, spiega WineNews, stata guidata per oltre 30 anni da Paola Gloder insieme al marito Alberto Montefiori, che ne hanno fatto una delle realt pi quotate del Brunello di Montalcino, e che rimarranno in azienda ancora per qualche tempo, per garantire un passaggio di consegne morbido al nuovo general manager Federico Trost. Scelto dalla nuova propriet, Trost vanta gi unesperienza di direttore commerciale, e non solo, per realt vinicole come Brancaia, Santa Margherita, Le Tenute di Genagricola. Riservate le cifre delloperazione, spiega ancora WineNews, anche se un ettaro di Brunello di Montalcino, a valori di mercato, stimato sui 4-500 mila euro.


12 Luglio 2017, ore 12:47

ANSA

Vino: Montalcino,belga Atlas Investment compra Poggio Antico... Lo rende noto il sito internet WineNews ... La compagnia belga Atlas Investment, attiva soprattutto nel settore dellenergia e del real estate, ha acquisito Poggio Antico a Montalcino che conta 32,5 ettari vitati di cui 28 a Brunello. Ne d notizia il sito internet WineNews. Poggio Antico, spiega WineNews, stata guidata per oltre 30 anni da Paola Gloder insieme al marito Alberto Montefiori, che ne hanno fatto una delle realt pi quotate del Brunello di Montalcino, e che rimarranno in azienda ancora per qualche tempo, per garantire un passaggio di consegne morbido al nuovo general manager Federico Trost. Scelto dalla nuova propriet, Trost vanta gi unesperienza di direttore commerciale, e non solo, per realt vinicole come Brancaia, Santa Margherita, Le Tenute di Genagricola. Riservate le cifre delloperazione, spiega ancora WineNews, anche se un ettaro di Brunello di Montalcino, a valori di mercato, stimato sui 4-500 mila euro.


23 Maggio 2017, ore 18:13

ADN KRONOS

Usa: per gli Omaba degustazioni dei grandi vini italiani ... The Amazing Italian Wine Journey stato regalato alla coppia a Borgo Finocchieto... Grazie, abbiamo imparato tantissime cose sul vino italiano!: cos parl la ex coppia presidenziale Usa, Michelle e Barack Obama, ospiti e protagonisti, come rivelato da WineNews, di un viaggio fantastico nel vino italiano, ripercorrendo attraverso 10 annate di bottiglie cult le tappe fondamentali e pi importanti della vita insieme, personale e politica. stato questo il filo rosso del dream tasting The Amazing Italian Wine Journey regalato a Barack e Michelle nel loro viaggio in Toscana, a Borgo Finocchieto (Siena) a due passi da Montalcino e dai vigneti di Brunello, dai padroni di casa Linda Douglass e John Phillips, ex ambasciatore Usa in Italia, in una cena per pochi ed intimi amici della coppia (12 commensali, tra cui Richard Parsons, uomo daffari, ex consigliere economico del presidente e produttore di Brunello a Il Palazzone, dal 2006) e preparata dallo chef italiano n. 1 al mondo Massimo Bottura. Il cerimoniere stato Filippo Bartolotta, The Grape Trotter, giornalista, critico (con Diploma Wine and Spirit Education Trust of London), eclettico promotore de Le Baccanti - che organizza Luxury food wine vacations and day tours per americani in Italia, e per italiani in Usa (con clienti deccezione come Dustin Hoffman e Emma Thompson) - e del dream tasting per gli Obama al quale lui stesso ha partecipato, conosciuto in una charity dinner in Usa organizzata da Alice Waters, vice presidente Slow Food, pioniera oltreoceano delleducazione alimentare e ispiratrice del celeberrimo orto voluto da Michelle alla Casa Bianca.


23 Maggio 2017, ore 18:13

IL MESSAGGERO - UMBRIA

Grazie, abbiamo imparato tantissime cose sul vino italiano: cos la ex coppia presidenziale Usa, Michelle e Barack Obama, ospiti e protagonisti, come rivelato da WineNews, di un viaggio fantastico nel vino italiano, ripercorrendo attraverso 10 annate di bottiglie cult le tappe fondamentali e pi importanti della vita insieme, personale e politica. E tra quei vini cos importanti cera anche il Caprai Sagrantino di Montefalco 25 anni 2010. stato questo il filo rosso del dream tasting The Amazing Italian Wine Journey regalato a Barack e Michelle nel loro viaggio in Toscana, a Borgo Finocchieto (Siena) a due passi da Montalcino e dai vigneti di Brunello, dai padroni di casa Linda Douglass e John Phillips, ex ambasciatore Usa in Italia, in una cena per pochi ed intimi amici della coppia (12 commensali). Il cerimoniere stato Filippo Bartolotta.


Pagina 8 di 211
Vinitaly @Expo Milano 2015 - #vino2015

WineMeteo

poche nubi Aglianico del Vulture:
Barile (PZ)

Temp: 19°
Precip: -
sereno Alto Adige:
Bolzano (BZ)

Temp: 28°
Precip: -
sereno Alto Adige:
Appiano sulla strada del vino (BZ)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Amarone:
Negrar (VR)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Barbaresco:
Barbaresco (CN)

Temp: 26°
Precip: -
sereno Bardolino:
Bardolino (VR)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Barolo:
Barolo (CN)

Temp: 25°
Precip: -
sereno Bolgheri:
Castagneto Carducci (LI)

Temp: 27°
Precip: -
quasi sereno Brunello di Montalcino:
Montalcino (SI)

Temp: 23°
Precip: -
sereno Chianti Classico:
San Casciano in Val di Pesa (FI)

Temp: 25°
Precip: -
sereno Cinque Terre:
La Spezia (SP)

Temp: 26°
Precip: -
sereno Cir:
Ciro' (KR)

Temp: 24°
Precip: -
sereno con veli Colli Orientali del Friuli:
Manzano (UD)

Temp: 28°
Precip: -
sereno con veli Collio:
San Floriano del collio (GO)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Est Est Est:
Montefiascone (VT)

Temp: 22°
Precip: -
poche nubi Etna:
Castiglione di Sicilia (CT)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Franciacorta:
Erbusco (BS)

Temp: 28°
Precip: -
quasi sereno Frascati:
Frascati (RM)

Temp: 25°
Precip: -
sereno con veli Friulano:
Cormons (GO)

Temp: 28°
Precip: -
quasi sereno Greco di Tufo:
Tufo (AV)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Lacrima di Morro dAlba:
Morro d'alba (AN)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Lambrusco:
Modena (MO)

Temp: 26°
Precip: -
sereno Molise:
Campomarino (CB)

Temp: 20°
Precip: -
sereno Montepulciano d'Abruzzo:
Chieti (CH)

Temp: 20°
Precip: -
sereno Morellino:
Scansano (GR)

Temp: 25°
Precip: -
quasi sereno Nobile di Montepulciano:
Montepulciano (SI)

Temp: 22°
Precip: -
sereno Orvieto:
Orvieto (TR)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Primitivo di Manduria:
Manduria (TA)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Prosecco:
Valdobbiadene (TV)

Temp: 28°
Precip: -
sereno Rosso Piceno:
Offida (AP)

Temp: 25°
Precip: -
sereno Sagrantino:
Montefalco (PG)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Sangiovese di Romagna:
Bertinoro (FC)

Temp: 23°
Precip: -
possibile temporale Sardegna:
Alghero (SS)

Temp: 22°
Precip: 0-5mm
variabile Sardegna:
Cagliari (CA)

Temp: 20°
Precip: -
poche nubi Sicilia:
Menfi (AG)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Sicilia:
Pantelleria (TP)

Temp: 16°
Precip: -
poche nubi Sicilia:
Marsala (TP)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Soave:
Soave (VR)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Suvereto:
Suvereto (LI)

Temp: 27°
Precip: -
quasi sereno Taurasi:
Taurasi (AV)

Temp: 21°
Precip: -
sereno Torgiano:
Torgiano (PG)

Temp: 25°
Precip: -
sereno Trentino:
Lavis (TN)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Trentino:
Mezzocorona (TN)

Temp: 28°
Precip: -
sereno Trentino:
San Michele all'Adige (TN)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Valle d'Aosta:
Aosta (AO)

Temp: 26°
Precip: -
sereno Valtellina:
Sondrio (SO)

Temp: 27°
Precip: -
sereno Verdicchio:
Jesi (AN)

Temp: 24°
Precip: -
sereno Vernaccia:
San Gimignano (SI)

Temp: 25°
Precip: -
Mezzacorona

Non solo vino
I capolavori dell'agroalimentare d'Italia